Home I lettori ci scrivono “Annus horribilis” per gli insegnanti

“Annus horribilis” per gli insegnanti

CONDIVIDI

Quest’anno si sta caratterizzando sempre più come un “annus horribilis” per i docenti.
Mi spiego: il Miur con una certa frequenza propone funzioni come l’animatore digitale, il tutor per i neoassunti, il mobility manager che hanno come comune denominatore “zero euro”. Questo atteggiamento è rinforzato dai colleghi che si assumono questi incarichi.

Decisioni che ovviamente rispetto, ma non comprendo. Siamo passati dalla “moderazione salariale” al “salario come variabile non necessaria”. In altri termini questa è la vera faccia del parolone “ottimizzazione”. In questo rientra anche l’irrispettosa e irricevibile proposta di rinnovo contrattuale di 4 €.
L’ultima “proposta indecente” è rappresentata dalla circolare del Miur ” Viaggi d’istruzione e visite guidate” ( 3 febbraio 2016).
Si legge: “gli accompagnatori dovranno prestare attenzione al fatto che il conducente di un autobus non può assumere sostanze stupefacenti, psicotrope (psicofarmaci) nè bevande alcoliche, neppure in modica quantità. Durante Ia guida egli non può far uso di apparecchi radiotelefonici o usare cuffie sonore, salvo apparecchi a viva voce o dotati di auricolare”. E così via.

Icotea

In questo stralcio è tracciata l’evoluzione del nostro profilo professionale: il badantato. Dovremo vigilare e sorvegliare anche gli adulti in tutti gli ambienti, compreso il bagno. Non è scritto, ma… uno lo pensa. Ma le richieste coinvolgono anche il controllo dell’autobus ( pneumatici, fari…) Ovviamente tutto questo non avrà nessun riconoscimento economico ( lungi da me richiederlo o semplicemente ipotizzarlo).
E durante quest’azione “poliziesca” su chi graverà la vigilanza sui minori (lo sono fino a 17 anni e 564 giorni, come ha stabilito una recente sentenza della cassazione)? Ovviamente sugli insegnanti ( art. 2048 Codice civile ).

Non lo auguro a nessuno, sarà interessante, però, conoscere l’atteggiamento dei giudici di fronte a una situazione di “distrazione” del docente verso il minore che si è fatto male o peggio, prodotta dall’indagine poliziesca nei confronti dell’autista. 
Intanto dico, anzi scrivo ma andate…