Home Università e Afam Anvur scarta 5 Accademie di “Belle arti”: tutte siciliane

Anvur scarta 5 Accademie di “Belle arti”: tutte siciliane

CONDIVIDI

Cinque istituti d’arte legalmente riconosciuti (Mediterranea di Ragusa, Mediterranea di Messina, Nike di Catania, Michelangelo di Agrigento e Leonardo Da Vinci Capo D’Orlando) non hanno superato l’esame e Anvur ha espresso parere negativo in merito alla possibilità di attivare nuovi corsi triennali.

Non avrebbero i requisiti strutturali adeguati e non si sarebbero adoperati per portare le modifiche richieste.

Icotea

Il primo parere, riporta Il Sole 24 Ore, è quello relativo all’Accademia Leonardo da Vinci. In questo caso le criticità evidenziate sono relative alla nuova sede per la quale l’Anvur aveva chiesto in un primo momento una nuova documentazione (mai arrivata) prima di effettuare la visita in loco.

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Sulla stessa scia anche il caso dell’accademia Michelangelo di Agrigento. Anche in questo caso, rileva l’Anvur, manca la documentazione necessaria e il parere per l’ attivazione dei corsi triennali di primo livello in è negativo.

Si concentra, invece, sul piano programmatico il parere verso l’Accademia Nike di Catania che non asseconda la richiesta dell’Anvur e che quindi si vede respinta la richiesta attivazione del corso triennale di pittura avanzata. All’accademia di Messina l’Agenzia chiede invece (senza ottenerla) «di presentare una relazione tecnica corredata dalla documentazione attestante la conformità dell’ordinamento didattico adottato alle disposizioni vigenti per le istituzioni statali, nonché la disponibilità di idonee strutture e di adeguate risorse finanziarie e di personale».

Sempre in materia di adeguatezza delle strutture e della preparazione del personale cade anche l’accademia mediterranea di Ragusa che non passa l’esame per attivare il corsi triennali in decorazione, pittura e scenografia avanzata. Anche in questo caso l’agenzia ha chiesto un’integrazione della documentazione, che però non è mai arrivata.