Home Politica scolastica Arbore: gli immigrati imparino a scuola l’italiano dei cantautori

Arbore: gli immigrati imparino a scuola l’italiano dei cantautori

CONDIVIDI
  • Credion

E’ la proposta lanciata dal maestro Renzo Arbore agli Stati generali della lingua italiana, in corso a Firenze. ”Giro da 25 anni il mondo con la mia Orchestra Italiana”, ha spiegato Arbore, convinto che ”effettivamente si debba fare qualcosa per aiutare la diffusione della lingua italiana”. Arbore ha quindi proposto ”di fare molta attenzione alla musica popolare italiana, alle canzoni italiane”. ”La lirica va bene, certamente -ha continuato Arbore- il melodramma eccetera, ma la canzone italiana puo’ essere un veicolo straordinario di diffusione, anche solo leggendo i versi meravigliosi dei grandi che hanno fatto la musica nel Novecento, da Francesco De Gregori a Gino Paoli. Sono autentiche poesie, penso a Gaber, De Andre’, Battisti. E’ un po’ come il cibo: propinare agli stranieri innamorati dell’Italia i versi bellissimi -ha concluso Arbore- dei nostri cantautori del Novecento”.