Home Precari Assegno nucleo familiare, gli importi indebitamente percepiti dai supplenti vanno restituiti

Assegno nucleo familiare, gli importi indebitamente percepiti dai supplenti vanno restituiti

CONDIVIDI

Dopo alcune versioni non ufficiali (e imprecise) circolate nei giorni scorsi, il Miur ha pubblicato la nota protocollata in data 13 luglio 2016, concernente la corretta attribuzione dell’assegno al nucleo familiare ai supplenti brevi e saltuari.

La nota indica la corretta procedura che le scuole debbono seguire per calcolare l’ANF, anche con riferimento ai dati già inseriti sul SIDI:

Icotea
  1. Prendere atto del reddito dichiarato dal richiedente l’assegno, costituito dalla somma dei redditi dei componenti il nucleo familiare del medesimo.
  2. Accedere al portale NOIPA, mediante il sistema SIDI, per utilizzare la funzione messa a disposizione per il calcolo degli assegni del nucleo familiare (ANF) – Monitoraggio Scuola à Calcolo assegno familiare.
  3. Procedere all’inserimento dei dati richiesti.
  4. L’importo finale dell’ANF, da inserire nel modello C3, dovrà essere calcolato in base al periodo di servizio prestato e rapportato alle ore contrattuali.
  5. Per ogni contratto, inserire l’importo ottenuto, nel modello C3 di SIDI (Fascicolo Personale ScuolaàGestione giuridica e retributiva contratti scuolaàRapporti di lavoro/Indennità di Maternità in Cooperazione ApplicativaàSupplenze Brevi, per Maternità, Indennità di Maternità Fuori Nomina ed Incarichi di ReligioneàC-3 Comunicazione Assegno Nucleo FamiliareàInserimento e predisposizione prospetto C-3).

Le scuole dovranno pertanto effettuare una verifica delle informazioni già presenti a sistema e, qualora riscontrassero anomalie, dovranno rettificare gli importi erroneamente imputati.

Per il recupero delle somme, le scuole dovranno procedere con la compensazione con trattenute su un rateo futuro, se il supplente ha ancora un contratto con la scuola; in caso contrario, bisognerà procedere al recupero tempestivo delle somme erroneamente attribuite al personale supplente richiedendo al personale che ha indebitamente ricevuto la somma di effettuare il versamento in conto entrata del Bilancio dello Stato della medesima somma indebitamente percepita sul capo 13, capitolo 3638, articolo 4. Di seguito sui riporta l’iban: IT 05Y 01000 03245 350 0 13 3638 04 e nella causale indicare “cod. meccanografico della scuola- recupero ANF”.

 

{loadposition bonus}

 

La nota contiene anche alcune ulteriori precisazioni:

  • il personale interessato alla richiesta di assegno per nucleo familiare è responsabile dell’eventuale dichiarazione mendace riportata, che potrebbe generare un’eventuale danno erariale a carico dello Stato;
  • l’assegno per nucleo familiare è richiesto da uno solo dei coniugi a fronte di una dichiarazione presentata dall’interessato presso le segreterie amministrative delle istituzioni scolastiche;
  • le istanze di richiesta per l’attribuzione dell’assegno per nucleo familiare devono essere sottoscritte in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritte e presentate o inviate, alle segreterie scolastiche, unitamente alla copia del documento di riconoscimento del sottoscrittori;
  • per gli insegnanti di religione la richiesta di ANF deve essere inoltrata alla Ragionerie Territoriali competenti che ne cureranno l’attribuzione.

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola