Home Attualità Assenza di figure professionali, imprese in sofferenza. Servono talenti ma le iscrizioni...

Assenza di figure professionali, imprese in sofferenza. Servono talenti ma le iscrizioni ai tecnici non decollano

CONDIVIDI

Un aumento sempre più visibile e che allarma non poco. Una percentuale che è salita dal 27 al 40,4% in tre anni. Parliamo dei profili “introvabili” per le imprese, una crisi acuita dalla pandemia negli ultimi due anni e un trend che non conosce pause.

Secondo ‘Il Sole 24 Ore’ che tratta l’argomento, stiamo assistendo all’assenza di candidati e di competenze richieste dai datori di lavoro in seguito all’errore fatto dal governo Conte di aver smantellato la scuola-lavoro e non aver investito nell’orientamento.

Icotea

Sempre secondo il quotidiano che analizza i dati forniti da Unioncamere-Anpal i primi cinque settori in sofferenza sono: industrie metallurgiche, meccaniche ed elettroniche, Ict, legno-arredo, costruzioni. Tra le prime professioni “introvabili” nel 2021 ecco ingegneri ed elettrotecnici, progettisti e meccanici, analisti e progettisti software e operai specializzati.

Questa difficoltà a reperire figure professionali riguarda soprattutto aziende del Nord frenate nella loro operatività e coinvolgendo anche alcuni settori nel mondo dei servizi.

Le responsabilità si riflettono sul sistema di formazione e l’orientamento che non riescono a legarsi con le necessità del mondo del lavoro. Nel concreto, dagli istituti tecnici superiori vengono fuori 4-5mila diplomati ogni anno ma ne servirebbero 4 volte tanto per coprire il fabbisogno delle imprese. Le iscrizioni a tecnici e professionali restano insufficienti. Anche i laureati Stem sono pochi e con quote rosa minime. Servono talenti e serve far capire alle famiglie l’importanza di questi settori, spingendo i giovani a investire su sé stessi.