Home Attualità AstraZeneca, il 20% dei docenti si fermerà alla prima dose

AstraZeneca, il 20% dei docenti si fermerà alla prima dose [RISULTATI SONDAGGIO]

CONDIVIDI
  • Credion

Crescono le titubanze del personale scolastico verso le decisioni prese dal governo su vaccinazioni anti-Covid e ritorni in classe: a fronte di 2.600 lettori, in prevalenza insegnanti, che hanno risposto al sondaggio della Tecnica della Scuola sulla somministrazione del vaccino AstraZeneca, solo il 48,6% di chi si è sottoposto alla prima dose ha detto che farà anche la seconda; il 21,6% si fermerà alla prima dose, con un ulteriore 20% che si è detto ancora indeciso. C’è poi il 9,2% che tenterà, per la seconda, la strada del cambio vaccino. Infine, tra chi non ha fatto nemmeno la prima dose, c’è il 7,7% che ha dichiarato che non intende proprio vaccinarsi.

Ritorno in classe, solo il 30% dice no

Il sondaggio ha affrontato pure il tema del rientro in classe nelle scuole superiori: ebbene, 7 su 10 si sono dichiarati favorevoli al ritorno alle lezioni in presenza in istituti di ogni ordine e grado anche nelle zone rosse.

Icotea

I lettori sembrano quindi avallare la decisione del governo e del premier Draghi (espressa in occasione della Conferenza stampa dell’8 aprile), che sta lavorando con la squadra di ministri per garantire almeno un mese di scuola in presenza a tutti gli alunni, anche delle superiori, così da permettere loro di chiudere l’anno insieme.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 4sondaggio1304_rientro.png

Grado di scuola

A rispondere al sondaggio della Tecnica della Scuola sono stati in prevalenza insegnanti (oltre 1.700 su un totale di 2.600), poi genitori e studenti. E’ anche significativo che oltre il 72% delle risposte dei docenti provengono da chi si sente più coinvolto e ha “le mani in pasta” direttamente nella scuola superiore, dove si sta gradualmente riaprendo le porte agli studenti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2sondaggio1304_scuola.png

Con quale ruolo?

In assoluto, il 56,4% dei rispondenti al sondaggio sono stati insegnanti, cui va sommato anche un 7,7% di docenti-genitori, per un totale di circa il 64% di risposte che proviene quindi da chi insegna.

I genitori non insegnanti rappresentano invece il 18,2% di risposte. A dire la loro anche il 14,1% di studenti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2sondaggio1304_ruolo.png

Vaccini

Tornando alla questione campagna vaccinale, più della metà dei nostri lettori (il 56,1%) ha risposto di essersi sottoposto già alla prima dose di vaccino, mentre un buon 36,2% è ancora in attesa. Solo il 7,7% non intende vaccinarsi, una quota minima, tutto sommato, viste le difficoltà degli ultimi tempi e i continui cambi di programma che avrebbero potuto comportare un crollo di fiducia nei confronti del vaccino.

Seconda dose del vaccino AstraZeneca

Quanto alla seconda dose del vaccino AstraZeneca, il 48,6% di chi si è sottoposto alla prima dose non ha remore a sottoporsi alla seconda, a fronte di un 20% circa che ancora non ha deciso; un 21,6% che invece si fermerà alla prima dose (suggerimento peraltro arrivato dall’infettivologo Massimo Galli); e un 9,2% che tenterà la strada del cambio vaccino per la seconda dose, rispetto alla quale sono iniziate le sperimentazioni.

Insomma, il cambio di passo di AstraZeneca ha fermato un 20% di già vaccinati. In breve, 2 su 10 si fermeranno alla prima dose, contro un 80% che si divide tra soluzioni diverse.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 5sondaggio1304_secondadose.png

Ricordiamo i numeri dei vaccini scuola

Lo stop del Governo alla priorità vaccinale del personale scolastico è arrivata quando si era giunti a 1.116.556 vaccinati (secondo il portale del Ministero della Salute aggiornato al 13 aprile 2021) su quasi 1 milione e 500 mila totali. Insomma, meno di 400 mila persone, tra docenti e Ata, in attesa della prima dose, magari già prenotata, che dovranno subire uno slittamento dei tempi, si presume di qualche settimana.

Dati generali sui vaccini

Secondo il report del commissario straordinario per l’emergenza sanitaria, il generale Francesco Figliuolo, aggiornato al 13 aprile, sono 13.286.783 le dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate in Italia, su un totale di dosi consegnate pari a 15.575.830 (10.259.730 Pfizer, 1.320.400 Moderna e 3.995.700 AstraZeneca). Le somministrazioni hanno riguardato 7.797.685 donne e 5.489.098 uomini. Le persone che hanno ricevuto entrambe le dosi sono poco meno di 4 milioni.

——————————

Precisiamo che l’indagine è stata realizzata dalla testata giornalistica “La Tecnica della Scuola” nel periodo che va dal 10/4/2021 al 13/4/2021. Hanno partecipato 2.600 soggetti. Il sondaggio non ha carattere di scientificità: i risultati derivano da conteggi automatici.

LEGGI ANCHE

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook