Home I lettori ci scrivono Ata e contrattazione d’istituto

Ata e contrattazione d’istituto

CONDIVIDI
  • Credion

La contrattazione d’istituto è uno strumento giuridico che serve per organizzare il servizio scolastico in funzione del POF, e valorizzare la professionalità del personale Ata. Purtroppo la contrattazione d’istituto si riduce spesso ad un mezzo per ingabbiare e piegare amministrativi e soprattutto collaboratori scolastici alle decisioni “irrevocabili” dei docenti e dei dirigenti, quasi a sottolineare che il personale Ata è un corpo a parte , per niente parte integrante ed attiva della comunità educante, la scuola.

Un esempio per tutti: l’attività extracurriculare (progetti ed altro), che si svolge nelle ore pomeridiane, è giustamente retribuita per i docenti .E non si capisce perché in non poche istituzioni scolastiche (ovviamente esclusi convitti ed educandati) queste attività, coperte con fondo d’istituto, e perciò non curriculari, gli Ata vengono sottoposti ad orario con turnazione.

Icotea

In questo modo l’attività antimeridiana, per la quale il numero degli Ata, determinato principalmente su quello degli alunni iscritti, per coprire in maniera efficace il servizio scolastico, è penalizzata. Perché? Per assicurare il servizio per le attività extracurriculari senza ricorrere al fondo d’istituto o ricorrendovi minimamente per compensare il disagio della turnazione e/o dell’oscillazione d’orario. In questo modo non pesa il costo degli Ata sui progetti, per i quali saranno pagati soltanto i docenti interessati. Allora chi sono i collaboratori scolastici? I servi muti !! L’articolazione dell’orario scolastico deve rispettare i diritti di tutto il personale scolastico.

Se ci si trova in un’istituzione scolastica la cui attività didattica curriculare si svolge in orario antimeridiano, per quale motivo si deve articolare l’orario su turni , per quale ragione di deve fare oscillare significativamente l’orario del personale Ata? Mi auguro soltanto che venga salvaguardato il diritto dell’Ata a dichiarare la propria disponibilità o non disponibilità ad aderire alla turnazione per coprire attività pomeridiane extracurriculari.