Home Precari Ata, il Miur dice sì alle supplenze per assenze superiori ai 29...

Ata, il Miur dice sì alle supplenze per assenze superiori ai 29 giorni. Si attende ok del Mef

CONDIVIDI

Il Miur, nell’ultima bozza di Legge di Bilancio, così come rende noto Il Sole 24 Ore, prova a inserire una norma che modifica l’articolo 1, comma 332 della legge di Stabilità 2015, re-introducendo la possibilità di sostituire gli assistenti amministrativi assenti, limitatamente alle assenze per lunghi periodi. La norma, secondo i calcoli del Miur, avrebbe un costo vicino ai 19 milioni di euro a decorrere dal 2018. Si attende il parere del Mef per le coperture finanziarie.

COSA ACCADE OGGI

Oggi, in base alla richiamata normativa (vigente), a decorrere dal 1° settembre 2015 i presidi non possono conferire supplenze per coprire: a) assistenti amministrativi (assenti), salvo che presso istituti il cui relativo organico di diritto abbia meno di tre posti; b) assistenti tecnici (sempre); c) collaboratori scolastici per i primi sette giorni di assenza.

CON LA BOZZA DEL MIUR

Con la bozza di norma ipotizzata dal Miur la normativa cambierebbe così: i dirigenti scolastici non potranno conferire supplenze per coprire: a) assistenti amministrativi (assenti) per i primi 29 giorni di assenza; b) assistenti tecnici per i primi 29 giorni di assenza; c) collaboratori scolastici per i primi sette giorni di assenza. Cambierebbero quindi le cose per assistenti amministrativi e tecnici, che pertanto potrebbero essere sostituiti, con supplenti, se l’assenza dura più di 29 giorni. Per i collaboratori scolastici, invece, non cambierebbe nulla rispetto a oggi.

ICOTEA_19_dentro articolo
CONDIVIDI