Home Archivio storico 1998-2013 Generico Attività ambientali nelle scuole siciliane

Attività ambientali nelle scuole siciliane

CONDIVIDI
  • Credion


Per migliorare l’informazione e la comunicazione ambientale, stimolare la cultura del riutilizzo, promuovere una corretta conoscenza delle tematiche relative alla gestione dei rifiuti e del loro smaltimento, educare a comportamenti responsabili ed attivi verso il comune patrimonio ambientale, il Commissario delegato per l’emergenza rifiuti e tutela delle acque in Sicilia, con apposito decreto del 28 gennaio 2003 (pubblicato sulla G.U. della Regione Siciliana del 7/2/2003 – Parte I n. 7) ha avviato una serie di iniziative in ambito scolastico. Tre sono i bandi per favorire la partecipazione ad iniziative ed attività divulgative rivolte alle scuole operanti nella Regione Sicilia per gli anni scolastici 2002/2003 – 2003/2004.
In particolare l’iniziativa "La magia dei rifiuti diventa fiaba", rivolta agli alunni delle scuole elementari e relativa all’anno scolastico 2002/2003, si prefigge di far conoscere ai bambini, attraverso il gioco e le forme espressive consolidate nelle loro abitudini, le tecniche ed i comportamenti che favoriscono la riduzione, la raccolta differenziata e il riciclaggio dei rifiuti. Dovranno essere elaborate direttamente dagli alunni, con l’ausilio dei docenti, storie, racconti, favole, trame teatrali che abbiano come tema i rifiuti, la loro valorizzazione ed il riciclo di alcune loro frazioni. Potranno essere presentati, utilizzando forme espressive diverse (manoscritti, illustrazioni, registrazioni audio o video, ecc.) uno o più elaborati prodotti da singole classi o gruppi di studio.

L’iniziativa "I laboratori del riciclo", rivolta agli alunni delle scuole di istruzione secondaria di I grado per l’anno scolastico 2003/2004, ha come obiettivo primario la realizzazione e l’avvio di laboratori scolastici quali presidi sul territorio per la elaborazione e la realizzazione di specifici progetti di divulgazione e sensibilizzazione sui temi attinenti alla riduzione, alla raccolta differenziata e al riciclaggio dei rifiuti. I laboratori si pongono come luoghi di ricerca e di confronto tra docenti, operatori nel settore e studenti sui temi specifici previsti dal bando, come spazi di creatività ed inventiva, come momento di coinvolgimento delle famiglie per una più efficace diffusione della cultura del riutilizzo e del riciclo, individuando un percorso che veda il coinvolgimento delle stesse famiglie nelle attività del laboratorio, con particolare riferimento alle attività di raccolta differenziata presenti nel territorio.

L’iniziativa "Azioni formative sul riciclo" è indirizzata agli studenti delle scuole di istruzione secondaria di II grado per l’anno scolastico 2003/2004 e prevede la definizione di progetti per la realizzazione di azioni formative mirate allo sviluppo di conoscenze e competenze tecniche e professionali al fine di favorire le scelte e gli indirizzi degli studenti delle scuole superiori per il loro inserimento nel mondo del lavoro nel campo delle attività connesse allo smaltimento e valorizzazione dei rifiuti.
Le scelte ed i criteri progettuali sono descritti nelle linee guida allegate al bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale citata (dove sono segnalate le modalità di partecipazione alle tre iniziative) e dovranno essere indicate, pena l’esclusione del progetto, nelle schede che fanno parte integrante delle medesime linee guida e che possono essere scaricate dal sito www.regione.sicilia.it/presidenza/ucomrifiuti. Gli elaborati dovranno pervenire, in busta chiusa con in cui va indicato di quale iniziativa si tratta, al seguente indirizzo: Ufficio del Commissario delegato per l’emergenza rifiuti, via Catania n. 2 – 90141 Palermo. La scadenza è fissata entro le ore 12,30 del 31 marzo 2003 per l’iniziativa relativa alle scuole elementari ed entro le ore 12,30 del 30 aprile 2003 per quanto concerne, invece, le iniziative riguardanti le scuole secondarie.

Per le iniziative e le attività divulgative rivolte alle scuole è prevista una spesa complessiva di 951.291 euro