Home Alunni Attività di studio in collaborazione tra studenti, alcune raccomandazioni

Attività di studio in collaborazione tra studenti, alcune raccomandazioni

CONDIVIDI
  • Credion

Le attività di studio in collaborazione tra studenti sono parte del percorso di
apprendimento e hanno un intrinseco valore positivo anche per l’interazione e la socialità che si crea tra coetanei. Tuttavia, è nella responsabilità individuale degli studenti e genitoriale delle famiglie
assicurare che, anche nel contesto di queste forme di aggregazione che si concretizzano prevalentemente in ambiente domestico, vengano attuate le indicazioni e le misure di prevenzione previste.

La raccomandazione è contenuta nel documento redatto da ISS e INAIL Documento tecnico sulla gestione del rischio di contagio da Sars Cov-2 nelle attività correlate all’ambito scolastico con particolare riferimento al trasporto pubblico locale, in previsione del rientro in classe il prossimo 7 gennaio 2021 del 75% degli studenti di ogni ordine e grado.

Icotea

I due Istituti, in particolare, precisano che, qualora si ospitino studenti per attività di studio in condivisione, dovrà essere limitato il numero di presenze, assicurando il rispetto delle indicazioni previste per i contatti tra “non congiunti” (distanziamento e uso di mascherina).

L’insieme delle misure proposte – si legge nel documento – ricadono nell’ambito della raccomandazione con l’obiettivo di fornire una giusta guida e promuovere consapevolezza rispetto ad una gestione del rischio nel contesto delle attività correlate all’ambito scolastico che, se non correttamente applicata, potrebbe inficiare le misure di sistema complessivamente messe in atto“.

Covid, come gestire le aggregazioni di studenti nei pressi della scuola

Covid, gestione del contagio nelle attività correlate all’ambito scolastico: trasporti e non solo