Home Archivio storico 1998-2013 Generico Aumenta il precariato dei dirigenti scolastici con incarichi di dirigenza

Aumenta il precariato dei dirigenti scolastici con incarichi di dirigenza

CONDIVIDI
  • Credion


Rispetto agli anni passati il numero degli incarichi di presidenza è considerevolmente lievitato. Si calcola che più di un terzo degli istituti scolastici, dall’anno scolastico che si sta aprendo, sarà affidato a docenti incaricati di svolgere le funzioni di dirigente scolastico.

Questo a causa dei normali annuali pensionamenti, ma soprattutto per la mancata emanazione del bando dei concorsi, ordinario e riservato. Sono, ormai dodici anni che non vengono banditi concorsi a preside e più di sei a direttore didattico.

L’amministrazione scolastica, fino ad oggi non si è ancora attivata per avviare l’iter del concorso pur avendo dato in più di un’occasione l’impressione di voler bandire i concorsi.
Il ritardo è divenuto insostenibile oltre che ingiustificato e sicuramente lesivo degli interessi dei diritti degli interessati tra i quali quelli dei presidi incaricati da molti anni scolastici e degli aspiranti in possesso dei titoli.

Sono venute meno ormai le ragioni che avevano giustificato i ritardi dell’amministrazione scolastica nell’emanazione del bando tra le quali la razionalizzazione della rete scolastica, la modifica della procedura di selezione e la definizione del nuovo status di dirigente scolastico tanto  che il comportamento dell’amministrazione scolastica è da ritenersi sicuramente ingiustificato.

Pur senza essere in discussione la prestazione dei dirigenti incaricati, la maggior parte dei quali ha assolto ai compiti con competenza, è fuor di dubbio che la  precarietà della loro posizione rappresenta una remora all’esercizio pieno delle funzioni sempre più complesse per l’implementazione dell’autonomia e le trasformazione della scuola in direzione del federalismo scolastico.