Home Alunni Bianchi al JOB&Orienta di Verona: cruciale la riforma dell’orientamento

Bianchi al JOB&Orienta di Verona: cruciale la riforma dell’orientamento

CONDIVIDI

Dopo l’apertura della trentesima edizione di JOB&Orienta, il salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, alla Fiera di Verona fino a sabato 27 novembre, con il titolo “Next Generation: orientamento, sostenibilità, digitale”,  il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in un videomessaggio, ha dichiarato: “Bisogna lavorare moltissimo su questo per dare ancora una volta l’idea che l’orientamento è un accompagnamento continuo. La riforma dell’orientamento è una delle riforme più importanti nell’ambito del PNRR che stiamo facendo. E lo stiamo facendo proprio avendo in mente anche quello che si sta svolgendo in questi giorni. Basta pensare a come gli Its stiano diventando sempre di più il momento cruciale in cui si incontrano le imprese, le scuole, le università, il territorio”. 

Alle parole del ministro si sono aggiunte quelle di  Elena Donazzan, assessore all’Istruzione, alla Formazione, Lavoro e Pari opportunità della Regione del Veneto: “In questi trent’anni la manifestazione JOB&Orienta di Verona è cresciuta ed è diventata centrale nel dibattito nazionale e nelle decisioni che riguardano l’istruzione e il lavoro: dal dialogo fra istituzioni al dialogo con le forze produttive e i sindacati che hanno deciso di fare qui momenti di riflessione sui temi dell’inserimento al lavoro. Quando parliamo di scuola e lavoro, noi non possiamo ragionare sul pronto uso. Dobbiamo programmare e progettare, e JOB&Orienta è il luogo per farlo. Per la prima volta quest’anno ci saranno qui quindici assessori regionali: ci confronteremo con il Governo sulle riforme che se non venissero fatte ci metterebbero nel rischio di non ottenere le risorse del PNRR”. 

Icotea

Intanto per sabato 27 novembre, all’Auditorium Verdi, è previsto il convegno “Il Pnrr e il futuro sostenibile, dialogo tra le regioni e i ministri del lavoro e dell’istruzione”.