Home Attualità Bonaccini: nonostante l’assenso del Cts al rientro a scuola, continua incertezza e...

Bonaccini: nonostante l’assenso del Cts al rientro a scuola, continua incertezza e caos

CONDIVIDI

Il presidente della Regione Emilia Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, dopo l’assenso da parte del Comitato tecnico scientifico al rientro in classe degli studenti delle scuole superiori in misura del 50% e fino al 75%, come previsto dal Dpcm dell 14 gennaio, ha scritto sulla sua pagina Faceboock,  che comunque la confusione regna sovrana.

Precisa infatti: ”Mi  permetto di osservare che sulla scuola continua una situazione di incertezza che va a discapito in primo luogo di studenti, genitori e di chi nella scuola lavora. Ieri l’Istituto superiore di sanità ha parlato del rischio di pandemia fuori controllo, un’affermazione molto forte e preoccupante. Oggi il consulente del ministero della Salute ha evocato la necessità di un lockdown generalizzato. Sempre oggi, però, il Cts si è riunito per spiegarci che le sue stesse valutazioni di qualche mese fa sull’incompatibilità della scuola in presenza per la zona gialla sono superate e che la didattica in presenza ora è addirittura compatibile con la zona arancione. Il Cts farebbe anche salve le diverse valutazioni rispetto all’andamento dell’epidemia nei territori, riconoscendo quindi la necessità di eventuali ordinanze regionali. Ma i diversi Tar accolgono o bocciano le ordinanze regionali a prescindere dall’andamento dell’epidemia, come si è visto negli ultimi giorni”. 

Icotea

“Ho rispetto della scienza e ho rispetto delle sentenze. Quindi, come ho detto, da domani anche i ragazzi delle scuole secondarie superiori dell’Emilia-Romagna torneranno in presenza almeno al 50%. Non ho alcuna intenzione di accrescere il caos”. 

“Il fatto poi che avremo Regioni in zona gialla con la didattica a distanza anche per le scuole elementari e Regioni in zona arancione con la didattica in presenza anche per le scuole superiori è una contraddizione che non spetta a me risolvere. Ci penserà il Governo, quando riterrà”.