Home Pensionamento e previdenza Bonus asilo nido: rilascio nuove funzioni INPS per integrare la documentazione

Bonus asilo nido: rilascio nuove funzioni INPS per integrare la documentazione

CONDIVIDI

Dopo la chiusura della procedura di acquisizione delle istanze relative all’anno 2017, avvenuta il 31 dicembre scorso, l’Inps ha ricevuto numerose richieste di riesame da parte di utenti, che hanno omesso di indicare nella domanda di Bonus asilo nido tutti o parte dei mesi di frequenza compresi tra settembre e dicembre 2017, per i quali non sono entrati immediatamente in possesso della documentazione di spesa.

Per tali mensilità, dunque, gli utenti non hanno potuto allegare in tempo utile i documenti necessari ad ottenere il contributo relativo a tali mensilità.

Considerato l’elevato numero di richieste, l’Inps ha così predisposto una nuova funzionalità che, dal 2 marzo 2018, consentirà di integrare la domanda originaria e permetterà di allegare la documentazione di spesa relativa ai mesi di settembre, ottobre, novembre e dicembre 2017, anche ai richiedenti che   abbiano omesso di indicare le relative mensilità in domanda.

ICOTEA_19_dentro articolo

La procedura

Per farlo, sarà necessario inserire le mensilità “aggiuntive” attraverso l’area riservata, accedendo al menù “Allegati Domande”.

Dopo aver selezionato la domanda da integrare e la tipologia di documento da inserire (es: Fattura), saranno visibili, oltre a tutti i mesi già richiesti in domanda, i mesi (“settembre”, “ottobre”, “novembre” e “dicembre”) non inseriti all’atto della domanda (in rosso), dando così la possibilità di allegare la relativa documentazione di spesa.

La documentazione allegata, appositamente evidenziata, sarà resa disponibile alla Struttura territoriale per la fase istruttoria.

Domande respinte

Per inserire le mensilità aggiuntive con riferimento a domande che risultino già in stato “respinta”, sarà necessario inviare una motivata richiesta di variazione tramite la funzione “allega nuovo documento su respinta”, presente nel menù “invio richiesta di variazione”. Una volta ripristinato lo stato “da istruire”, il richiedente potrà procedere ad allegare la documentazione relativa ai mesi non indicati in domanda con le modalità sopra descritte.

 

Si sottolinea che il termine ultimo per allegare la documentazione relativa a domande di Bonus asilo nido per l’anno 2017 è fissato improrogabilmente al 31 marzo 2018.

CONDIVIDI