Home Precari Bussetti: “40mila docenti per il sostegno in tre anni. No alle chat...

Bussetti: “40mila docenti per il sostegno in tre anni. No alle chat tra docenti e alunni”

CONDIVIDI

Il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, è stato intervistato da Leggo, nota freepress.

Tanti gli argomenti trattati nel corso dell’intervista.

Ecco gli spunti più significativi:

ICOTEA_19_dentro articolo

SOSTEGNO –  “L’Osservatorio per i Disabili è stato fermo per un anno e mezzo, non è possibile. Il ministero attiverà la formazione di 40mila nuovi docenti nei prossimi tre anni. Il vero obiettivo sono gli studenti. Ci dobbiamo preoccupare dei ragazzi, non dimentichiamoci che lavoriamo per quello. L’insegnante di sostegno è l’insegnante di tutta la classe, lavora per valorizzare le potenzialità non per sopperire alle carenze”.

Su questo argomento, il ministro si era già espresso nei giorni scorsi.

Nel question time di mercoledì scorso, Bussetti aveva annunciato: “l’attivazione di percorsi di specializzazione sul sostegno per tutti i gradi di istruzione, per un numero consistente di posti. Ciò consentirà, da un lato, di garantire la continuità didattica in favore degli alunni con maggiore bisogno di integrazione, ovviando, almeno in parte, alla cronica carenza di docenti specializzati, e, dall’altro, di assicurare ai docenti maggiori e diversi percorsi professionali”.

CHAT TRA DOCENTI E STUDENTI “Sono assolutamente contrario per parlare con gli studenti o con i genitori, i professori devono utilizzare le vie ufficiali che esistono e vanno utilizzate nel rispetto dei ruoli”.