Home Politica scolastica Cari prof, scegliete la scuola del fare e non quella della finzione

Cari prof, scegliete la scuola del fare e non quella della finzione

CONDIVIDI

E’ terminato da poco il convegno “Nuove frontiere della Didattica Innovativa”, che si è svolto presso la Sala del Mappamondo di Palazzo Montecitorio a Roma.

L’incontro ha rappresentato l’occasione di confrontarsi sul futuro della scuola, esponendo la propria visione di un nuovo progetto educativo e di tutti quegli strumenti concreti per innovare la scuola dal punto di vista sia pedagogico che didattico.

Icotea

Nel corso del convegno, il parlamentare del M5S, Luigi Gallo, membro della Commissione Cultura, Istruzione e Scienze della Camera dei Deputati, ha presentato la proposta di legge già depositata alla Camera, “Istituzione dei nuclei per la didattica avanzata e introduzione di progetti di scuola aperta e di scuola diffusa negli istituti scolastici di ogni ordine e grado (2934)“.

All’incontro erano presenti docenti, studenti e giornalisti ed ha visto diversi interventi interessanti, fra cui, quello di Paolo Mottana e di Carlo Ridolfi, coordinatore Rete di Cooperazione Educativa, che ha conosciuto e lavorato con Mario Lodi: Ridolfi ha raccontato come “oggi tanti docenti scelgono di non insegnare ‘fingendo’ (adottando il copione del prof severo e che applica sanzioni), ma scegliendo la scuola del fare e dell’essere…racconta ‘esperienze luminose’, le quali ci dicono che i bambini vanno preparati ad  ‘essere persone’ partendo dalla scuola”.