Home Attualità Cassazione: se la maestra influisce sulla psiche è reato di maltrattamento

Cassazione: se la maestra influisce sulla psiche è reato di maltrattamento

CONDIVIDI

Quando vengano rilevati atteggiamenti educativi impropri, quali la violenza verbale, assunti in un contesto comunque caratterizzato da serenità e assenza di paura per i minori,  le condotte commesse dall’educatrice possano incidere negativamente sullo sviluppo fisico-psichico dei minori.

La Cassazione: verificare le condotte degli educatori

Dunque, dice la sentenza 19931/2019 della Cassazione, l’accusa di maltrattamenti in danno di minori di 3 anni deve essere adeguatamente vagliata, verificando se le condotte commesse dall’educatrice possano incidere negativamente sullo sviluppo fisico-psichico dei minori.

La sentenza della Cassazione si riferisce a degli episodi di maltrattamenti perpetrati nei confronti di alcuni bambini, nel corso dei quali le condotte contestate alle maestre consistevano in violenze verbali, atti bruschi e comportamenti impropri, posti in essere per frenare la vivacità dei bambini in un contesto comunque caratterizzato da un clima di serenità e assenza di paura.

ICOTEA_19_dentro articolo

Soggetti vulnerabili

La Suprema corte ha puntato l’attenzione  in una fattispecie dove vengono in rilievo soggetti particolarmente vulnerabili, in relazione a cui è opportuno che le condotte siano «valutate non solo sotto il profilo strettamente naturalistico-fenomenico, ma anche in relazione alla concreta incidenza sullo sviluppo fisico-psichico di soggetti bisognosi di cure attente».