Home Archivio storico 1998-2013 Generico Chi parla una seconda lingua ha un modo diverso di interpretare il...

Chi parla una seconda lingua ha un modo diverso di interpretare il mondo

CONDIVIDI
webaccademia 2020
“Conoscere una seconda lingua è fondamentale per uno studente che oggi vuole trovare lavoro”: quante volte abbiamo sentito questa frase? Sicuramente tante. Del resto, si tratta della verità. Ora, però, veniamo a conoscenza del fatto che l’apprendimento di una lingua straniera facilita non solo la ricerca dell’occupazione lavorativa, ma cambia completamente il modo di vedere ed interpretare il mondo. A sostenerlo sono alcuni ricercatori dell’Università di Newcastle: dopo aver svolto uno studio approfondito, hanno dedotto che coloro che utilizzano una seconda lingua per comunicare pensano diversamente dagli altri.
Quel che sorprende è che è che per accedere al surplus psicologico, la conoscenza della lingua aggiuntiva non deve necessariamente essere approfondita, ma il livello potrebbe anche fermarsi a quello di tipo scolastico o leggermente superiore: i ricercatori britannici sostengono, infatti, che per fare propri i vantaggi psicologici derivanti dal parlare la seconda lingua non è necessario parlarla correttamente.
La ricerca si è concentrata su persone che per motivi di lavoro hanno contatti con soggetti di lingua inglese e giapponese, scoprendo curiose e nuove modalità di confronto con la realtà circostante: ad esempio, poiché in giapponese esistono modi differenti per esprimere le tonalità del blu – la luce blu con ‘mizuiro’, il blu notte con ‘ao’ – le persone di madrelingua distinguono più precisamente le differenze per descrivere le diverse identità cromatiche. Per quelli che parlano due lingue, invece, vince quella usata più di frequente. “Oltre a imparare il vocabolario e la grammatica – ha spiegato Panos Athanasopoulos, autore dello studio le cui conclusioni sono state riportate sull’ultimo numero della rivista ‘Bilingualism: Language and Cognition’ – inconsciamente si impara un nuovo modo di vedere il mondo”. Insomma, imparare l’inglese, il francese, il tedesco, o una delle tante lingue al mondo oltre alla propria, aiuta a capire che il centro del mondo non è proprio quello che immaginavamo.
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese