Home Politica scolastica Cisl-Scuola: “Aprire subito il tavolo per la chiamata diretta”

Cisl-Scuola: “Aprire subito il tavolo per la chiamata diretta”

CONDIVIDI

Il tema della sequenza contrattuale per la definizione dei criteri da seguire per l’assegnazione alle scuole dei docenti assegnati agli ambiti sta assumendo sempre maggiore rilevanza.

Firmato il contratto, infatti, i sindacati si preparano ad affrontare quello che sarà il vero nodo di tutto lo “scontro” con il Governo, e cioè la cosiddetta “chiamata diretta” dagli albi territoriali da parte dei dirigenti scolastici.
Anche dalla Cisl-Scuola fanno sapere che per loro la sequenza contrattuale è assolutamente centrale e che dovrà condurre alla definizione di criteri oggettivi e trasparenti.

Icotea

 

 

{loadposition bonus_1}

 

“L’avvio della sequenza – dicono dalla Cisl – deve essere fatto quanto prima in quanto il CCNI è molto chiaro: entro 30 giorni dalla firma del contratto bisognerà aver definito anche questa ‘coda contrattuale’.  E se qualcuno pensa che ci sia da parte nostra la tentazione di fare melina o di tirarla per le lunghe, si sbaglia di grosso: noi abbiamo assolutamente intenzione di chiudere al più presto la sequenza perchè i docenti hanno il diritto ad adeguate tutele e anche la scuola non può continuare a funzionare nell’attuale clima di incertezza”.

Resta da capire, a questo punto, quando concretamente prenderanno avvio gli incontri per chiudere anche questo complicatissimo capitolo.
E’ probabile che il Ministero non muoia dal desiderio di convocare i sindacati che però – a loro volta – potrebbero essere intenzionati proprio ad affrontare la questione in tempi rapidi.
Vedremo se – anche in questa circostanza – sarà la mediazione politica del sottosegretario Davide Faraone a sbloccare una vicenda che potrebbe dare vita ad un pesante contenzioso fra sindacati e Ministero.

 

{loadposition facebook}