Home Generale Come avere successo nello studio: “L’uovo di Colombo” nel libro di Milani

Come avere successo nello studio: “L’uovo di Colombo” nel libro di Milani

CONDIVIDI

“L’uovo di Colombo”, oltre che il famoso aneddoto, è pure il titolo di un libro edito da Vallardi e scritto da una docente, Isabella Milani, con la passione della diffusione pedagogica, nel senso della condivisone con gli altri delle proprie esperienze conoscitive e in primo luogo di un suo metodo per “capire bene e avere successo nello studio, nel lavoro e nella vita”, così come recita il sottotitolo.

Non è però un testo didascalico, ma una operazione brillante per chi stenta a entrare nel mondo della conoscenza e soprattutto per chi non intende lasciarsi fregare da tutte le “menzogne” che nella notte dell’ignoranza girano per il web e no, e talvolta pure nei giornali cosiddetti scientifici. “Adelante ma con juicio”, suggerisce l’autrice e soprattutto senza fingere di aver capito, quando non si è capito, e dunque domandare, chiedere, farsi spiegare per arrivare al nocciolo della questione: dialettica e dialogo.

Icotea

Da qui il “metodo Milani” che consta di “5 prerequisiti”: il concetto di metodo; che cosa significa capire bene; cosa significa conoscere; le conoscenze come devono essere organizzate; domande e dubbi più importanti delle risposte. Questa la base per il secondo capitolo composto di tre fasi che non citiamo per venire al nocciolo del problema: imparare ciò che non si sa (ed è troppo per chi già crede di non sapere), imparando che non si può capire senza sforzo e senza intelligenza, smantellando preconcetti e senza dare nulla per scontato.

L’uovo di Colombo di Milani sta in definita (ma bisogna leggere il libro, scritto fra l’altro con stile brioso e chiaro) nel definire l’area di interesse, porsi delle domande e arrivare alle risposte. Un processo didattico, dialettico e dialogico, che porta alla conoscenza, mettendo tutto in discussione e chiedendosi e chiedendo con senso critico che si affina con metodo, cioè un passo indietro per organizzare il sapere e prima di rispondere chiedersi e prima di dubitare definire. In altre parole: a dubitare si fa peccato, ma spesso ci si azzecca: l’uovo di Colombo, appunto.