Home I lettori ci scrivono Compravendita punti per l’aggiornamento della graduatorie

Compravendita punti per l’aggiornamento della graduatorie

CONDIVIDI
  • Credion
Illustre Ministro Giannini,
ormai siamo davvero alla frutta!! Voglio spendere due parole sui Corsi e Attestati banditi dagli Enti di Formazione che operano sul territorio.
Mi sembra di essere al mercato delle vacche dove il più facoltoso ha la possibilità di acquistare “punti”, comprando un qualsiasi titolo (diploma di perfezionamento, attestato di lingua, attestato di informatica etc….)
Mi riferisco alla possibilità offerta dai Centri di Formazione, tanto accreditati dal MIUR, di acquistare punti validi e riconosciuti, così come meglio specificato nella tabella di A e B annessa al decreto per l’aggiornamento delle graduatorie.
Mi chiedo come sia possibile a pochi giorni dalla chiusura del rinnovo per le G.I. fissato al 23 giugno, acquisire un qualsiasi tiolo, come ad esempio la patente ECDL, in tempo utile (anche una settimana) per poter inserire i punti nell’aggiornamento delle graduatorie!!
C’è di più!!!!!!!!!!! addirittura, sempre a pochi giorni dalla scadenza per il rinnovo delle G.I., questi Enti di Formazione riescono a rilasciare titoli che valgono 8 punti sempre dietro compenso (rigorosamente in nero) di circa mille euro a candidato!!!!!!!!!! ( mi riferisco precisamente al punto A.3 della tabella di valutazione A e cioè i titoli professionali conseguiti in uno dei Paesi dell’Unione Europea, riconosciuti dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, ai sensi delle direttive comunitarie 89/48 CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 e 92/51 CEE del Consiglio del 18 giugno 1992.
(Qualora non sia indicato il punteggio ovvero il giudizio finale non sia quantificabile in termini numerici sono attribuiti punti 8).
Insomma, oramai in prossimità della scadenza per il rinnovo della G.I. assistiamo impotenti ad una guerra tra poveri, dove il più facoltoso ha la possibilità di guadagnare punti a discapito di chi non ha la stessa facoltà economica.
Va bene il concetto di formazione professionale caro Ministro, ma a queste condizioni no!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! I docenti che frequentano seriamente questi corsi e che sostengono dei veri esami per acquisire una vera formazione sono delle mosche bianche!!!!
Credo che sia doveroso da parte Sua, porre fine a questa farsa, a questo mercato del pesce in cui il concetto di legalità e rispetto del prossimo siano solo delle belle parole.