Home Politica scolastica “Con determinazione le chiediamo di non firmare la riforma…”

“Con determinazione le chiediamo di non firmare la riforma…”

CONDIVIDI

“L’aspetto più grave del progetto governativo, che rischia di incidere negativamente sulla coscienza democratica dei cittadini, è la presentazione di aspetti in assoluto contrasto con i fondamenti della scuola della Costituzione, considerati fattori indispensabili per dare efficacia ed efficienza all’istituzione scolastica. L’aggiramento dell’articolo 97 renderebbe la scuola priva della tutela della legge che ne deve garantire “il buon andamento e l’imparzialità”. A sostenerlo è il comitato ‘Scuola e costituzione’, storica realtà bolognese che si occupa del mondo dell’istruzione. Il comitato è fortemente convinto della sua tesi, che lo ha scritto anche in una missiva indirizzata al Capo dello Stato.

Nella lettera inviata al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si chiede quindi di non firmare la legge sulla ‘Buona scuola’.

Icotea

 

{loadposition eb-progetti}

 

“A nome dei tanti che sottoscrivono questo appello – prosegue il comitato rivolgendosi al Capo dello Stato – come associazione nazionale ‘Per la scuola della Repubblica’, le chiediamo di ricevere una delegazione di coloro che stanno continuando a manifestare nei pressi del Quirinale, e, con ferma determinazione le chiediamo di non firmare una legge in così aperto contrasto coi principi costituzionali, una legge contro la quale si stanno mobilitando da mesi con proteste fino allo sciopero della fame, comitati e movimenti di cittadini in tante delle nostre città con l’unica aspirazione di salvare le peculiarità costituzionali della scuola dello Stato”. 

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola