Home Archivio storico 1998-2013 Generico Concorsi personale dell’Amministrazione Scolastica Periferica

Concorsi personale dell’Amministrazione Scolastica Periferica

CONDIVIDI

In particolare, per la Lombardia sono messi a concorso 6 posti (di cui 2 a tempo parziale), per la Toscana 5 posti (di cui 1 a tempo parziale), per l’Emilia Romagna 3 posti, per la Sardegna 3 posti.
Per quanto riguarda il part-time, la prestazione lavorativa non deve superare il 50% di quella a tempo pieno. In assenza di richieste di lavoro a tempo parziale o qualora le stesse risultassero inferiori alla percentuale fissata dovranno essere assunti in regime di part-time coloro che occuperanno le ultime posizioni nella graduatoria dei vincitori.
Le domande di ammissione ai concorsi (i candidati potranno presentare istanza di partecipazione per una sola sede e quindi per un concorso soltanto) dovranno essere compilate secondo lo schema allegato al bando pubblicato sulla G.U. 4a Serie speciale – n. 12 dell’11/2/2000 ed indirizzate entro trenta giorni, a partire dalla giorno di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (per le raccomandate spedite a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento fa fede il timbro dell’ufficio postale accettante), rispettivamente alle seguenti sedi:
– per il concorso relativo alla Lombardia: Sovrintendenza scolastica regionale per la Lombardia – Via Gonzaga, 2 – 20123 Milano;
– per il concorso relativo alla Toscana: Sovrintendenza scolastica regionale per la Toscana – Via P. Toselli, 4 – 50144 Firenze;
– per il concorso relativo all’Emilia Romagna: Sovrintendenza scolastica regionale per l’Emilia Romagna – Piazza XX Settembre, 1 – 40121 Bologna;
– per il concorso relativo alla Sardegna: Sovrintendenza scolastica regionale per la Sardegna – Viale Regina, 6 – 09125 Cagliari.
Le prove d’esame si svolgeranno contemporaneamente nelle città sedi delle Sovrintendenze scolastiche interessate e saranno costituite da due prove scritte ed un colloquio. Le prove scritte, basate su una serie di quesiti a risposta sintetica, mirano all’accertamento del grado di cultura generale e specifica dei candidati nonché alla loro attitudine ad acquisire la professionalità oggetto dei concorsi, con particolare riferimento al Diritto amministrativo (prima prova) e alla Contabilità generale dello Stato e ragioneria pubblica e privata (seconda prova). Il colloquio interdisciplinare, a cui i candidati saranno ammessi se avranno riportato in ciascuna prova scritta una votazione di almeno 21/30, verterà, oltre che sulle materie oggetto della prova attitudinale, anche su nozioni di Diritto civile, nozioni di Scienza delle finanze, Servizi e ordinamento del Ministero della Pubblica Istruzione.

CONDIVIDI