Home Attualità Concorsi pubblici, si cambia: prove decentrate e orale in videoconferenza (se serve)

Concorsi pubblici, si cambia: prove decentrate e orale in videoconferenza (se serve)

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Nei giorni scorsi il Ministero per la Pubblica Amministrazione ha reso noto il bando-tipo per il personale Area II, da utilizzare come modello per i concorsi futuri. 

In realtà negli ultimi mesi la Ministra Dadone ha più volte annunciato le varie novità per quanto riguarda i nuovi concorsi pubblici. Adesso, a quanto pare, con il prossimo modello per il personale Area III in arrivo, si vuole mettere nero su bianco il tutto.

Prove decentrate nei concorsi pubblici

Intanto bisogna subito dire che i concorsi pubblici, che saranno più snelli e informatizzati, si svolgeranno presso sedi decentrate e per questo la Ministra Dadone ha annunciato anche i Pta ovvero i Poli territoriali avanzati che sostituiranno la sede unica delle selezioni. Questa misura sarebbe quindi utile in momenti come questi dove la circolazione in massa di persone potrebbe essere un problema. Pandemia a parte, gli spostamenti dei candidati sarebbero quindi inferiori per sostenere la prova concorsuale.

ICOTEA_19_dentro articolo

Andando all’aspetto più importante, quello delle prove, sarebbe previste nei nuovi concorsi pubblici la prova preselettiva (se prevista) e una prova selettiva scritta, ma che saranno svolte in maniera informatizzata e in sedi decentrate, appunto.

Orale si può fare in videoconferenza

Invece, per quanto riguarda la prova selettiva orale, questa, se necessario, si potrà svolgere anche in videoconferenza, attraverso l’utilizzo di strumenti informatici e digitali, garantendo comunque l’adozione di soluzioni tecniche che ne assicurino la pubblicità.

Infine, le modalità di presentazione delle domande di partecipazione ai concorsi pubblici dovrà avvenire sempre tramite il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) e il candidato dovrà essere anche in possesso di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC)

Concorsi scuola: si parte con lo straordinario

I concorsi scuola? Al momento il concorso straordinario secondaria è il primo dei concorsi che si svolgerà a partire dal 22 ottobre.

A seguire dovrebbero partire i concorsi ordinari per infanzia e primaria e per la scuola secondaria.

Per il concorso straordinario, proprio per seguire le nuove indicazioni, verranno allestite oltre 20 mila postazioni in tutta Italia per una media di meno di 10 candidati per aula allo scopo di garantire il distanziamento.

Le operazioni di identificazione dei candidati avranno inizio alle ore 8.00 per il turno mattutino e alle ore 13.30 per il turno pomeridiano. Il turno mattutino è previsto dalle 9:00 alle 11:30 e il turno pomeridiano dalle 14:30 alle 17:00.

Il MI ha anche pubblicato le indicazioni relative allo svolgimento della prova scritta computerizzata. Il protocollo di sicurezza allegato alla nota prevede l’obbligo da parte dei candidati, dei componenti della commissione, del personale di vigilanza e di tutte le figure presenti nelle aree concorsuali, di indossare una mascherina chirurgica, che copra correttamente le vie aeree (bocca e naso) per tutto il tempo di permanenza all’interno dell’istituzione scolastica sede di concorso.

Ciascun candidato dovrà dotarsi di idoneo dispositivo di protezione individuale e indossarlo, a pena di esclusione dalla procedura, sia durante il periodo di attesa per l’ingresso all’interno dell’istituzione scolastica, sia all’ingresso nell’aula sede di esame, sia durante lo svolgimento della prova, nonché in uscita dalla struttura.

TUTTO SUL CONCORSO STRAORDINARIO

Preparazione concorso ordinario inglese