Home Concorsi Concorsi scuola, partiranno o no? Le ipotesi

Concorsi scuola, partiranno o no? Le ipotesi

CONDIVIDI

“I concorsi scuola 2020 partiranno oppure no?” Sui nostri gruppi Facebook dedicati ai concorsi questa è la domanda riproposta da tantissimi utenti. Al momento abbiamo alcune informazioni ma nessuna certezza sulle tempistiche vista l’emergenza coronavirus.

Concorso scuola 2020: “Quando potranno svolgersi le prove?”

Buongiorno a tutti. Si hanno novità sul concorso? Quando saranno le prove? Secondo voi ne vale la pena continuare a studiare?” Questo è uno dei tanti messaggi arrivati.
Al di là delle previsioni, ci sono diversi utenti un po’ disturbati da questi messaggi: “Ma che domanda è? Al momento ci sono altre priorità. Non si può pensare ai concorsi in questo momento“.

Icotea

Certamente, in questo periodo la priorità è combattere il coronavirus e rispettare gli obblighi imposti dal Governo.
Ma perché non impiegare il tempo studiando per un concorso che, seppure con ritardo, sarà svolto prima o poi?

Ecco perché, per chi fosse interessato, ricapitoliamo la situazione del concorso scuola 2020.

Concorso scuola 2020: bando può essere pubblicato. Prove differite

Sull’ultimo DL pubblicato in Gazzetta Ufficiale: infatti, all’articolo 1, comma 2, lettera t, è scritto: “limitazione o sospensione delle procedure concorsuali e selettive finalizzate all’assunzione di personale presso datori di lavoro pubblici e privati, con possibilità di esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati è effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero con modalità a distanza, fatte salve l’adozione degli atti di avvio di dette procedure entro i termini fissati dalla legge, la conclusione delle procedure per le quali risulti già ultimata la valutazione dei candidati e la possibilità di svolgimento dei procedimenti per il conferimento di specifici incarichi”.

Pertanto, le prove del concorso docenti 2020 sono sospese fino alla fine dell’emergenza (quindi, in linea teorica, fino al 31 luglio. Al momento sono sospese fino a maggio, ma il presente decreto prevede di spostare tale data fino al termine ipotetico dell’emergenza).

Gli atti di avvio concorsuali, e quindi i bandi del concorso scuola 2020, possono essere emanati durante questo periodo di blocco e questo significa che, come prevede il decreto milleproroghe, tutti i bandi del concorso docenti possono essere pubblicati entro il 30 aprile.

Ciò è stato confermato anche nel corso della riunione del 1° aprile fra Miur e sindacati: i bandi saranno pubblicati ma le prove sicuramente slitteranno più avanti. Addirittura Anief, parla di retrodatazione giuridica. Ma stiamo ancora nel campo delle ipotesi.

Pertanto, consigliamo a chi intende sostenere uno dei concorsi scuola 2020, di continuare la preparazione.
Le prove sicuramente si svolgerebbero in estate e si potrebbe fare in tempo (teoricamente) alle immissioni in ruolo per settembre.

Appare evidente che i principali interessati sarebbero i candidati del concorso straordinario, che potrebbero effettivamente sperare di partecipare, data la natura semplificata della procedura. Anche se si potrebbero innescare altri problemi di cui abbiamo già parlato.

Nei giorni scorsi i sindacati hanno chiesto di trasformare la procedura attuale in un concorso per soli titoli, semplificando ulteriormente l’accesso ai ruoli per settembre 2020. In verità, appare piuttosto improbabile per il momento tale ipotesi: il Miur non approverebbe tale soluzione semplicemente perchè, al momento, non è presente un’orizzonte talmente lontano per le prove del concorso tanto da concedere un’assunzione diretta ai precari con 3 anni di servizio. Certamente, se i tempi dovessero essere prolungati ben oltre le previsioni, tanto da non poter garantire l’immissione in ruolo per settembre, per evitare un collasso di supplenti il prossimo anno scolastico, il Miur dovrà pensare a qualche soluzione straordinaria.

Concorso docenti: manca il parere del CSPI

Uno dei problemi principali sul tema concorsi è dato dal fatto che manca al momento il parere del CSPIdopo essere saltate le sedute previste per il 4 marzo e poi l’11 marzo, allo stato attuale non abbiamo nessuna data di una nuova riunione. Anche in questo caso il coronavirus sta condizionando il tutto.

Il parere del CSPI, è obbligatorio ma non è vincolante, nel senso che il Miur, in linea teorica, non sarebbe costretto a seguire tutti i rilievi.
Nella pratica, ciò capita assai di rado, con l’amministrazione che tende sempre ad accogliere almeno in parte i rilievi mossi dal Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione.

Concorso docenti 2020: i requisiti per partecipare alla procedura straordinaria

Il DL 126/2019 stabilisce che potranno partecipare, al concorso scuola 2020 straordinarioi docenti in possesso dei seguenti requisiti:

  • almeno tre anni di servizio nella scuola secondaria statale (anche su sostegno) dal 2008/2009 al 2018/2019. Chi conclude la terza annualità nel 2019/2020 partecipa con riserva
  • uno dei tre anni deve essere specifico, ossia svolto nella classe di concorso per cui si partecipa.
  • Potranno partecipare, anche se solo ai fini dell’abilitazione, i docenti che hanno maturato il servizio di tre anni nella scuola paritaria. Anche i docenti di ruolo che hanno tre anni comunque prestati, senza un anno specifico sulla classe di concorso, può partecipare ai soli fini abilitativi.

Per i posti di sostegno è necessario avere, oltre ai seguenti requisiti di servizio, la specializzazione sul sostegno.

CLICCA QUI per la bozza del bando

ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK DEDICATO AL CONCORSO STRAORDINARIO (CLICCA QUI)

 

Concorso scuola 2020 ordinario secondaria: i requisiti per accedere

Possono partecipare al concorso scuola 2020 secondaria, per i posti comuni, i candidati in possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, di uno dei seguenti titoli:

a. titolo di abilitazione alla specifica classe di concorso o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;

b. titolo di accesso alla specifica classe di concorso congiuntamente a titolo di abilitazione all’insegnamento per diverso grado o classe di concorso o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;

c. titolo di accesso alla specifica classe di concorso o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente congiuntamente al possesso dei 24 CFU/CFA di cui all’articolo 1, comma 181, lettera b), numero 2.1 della Legge.

Per i posti Itp accedono i candidati i possesso del diploma e senza i 24 CFU, almeno fino all’anno scolastico 2024/2025.

Per i posti di sostegno del concorso ordinario secondaria sono ammessi a partecipare alle procedure distinte per la secondaria di primo o secondo grado, i candidati in possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, oltre che ai requisiti precedenti, del titolo di specializzazione sul sostegno per lo specifico grado conseguito ai sensi della normativa vigente o analogo titolo di specializzazione sul sostegno conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente.

Sono ammessi con riserva coloro che, avendo conseguito all’estero i titoli abbiano comunque presentato la relativa domanda di riconoscimento ai sensi della normativa vigente, entro il termine per la presentazione delle istanze per la partecipazione alla procedura concorsuale.

ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK DEDICATO AL CONCORSO ORDINARIO SECONDARIA
(CLICCA 
QUI)

BOZZA DEL DECRETO

 

Allegati al decreto

ALLEGATO A – PROGRAMMA CONCORSUALE (CLICCA QUI)

ALLEGATO C – TABELLA TITOLI VALUTABILI (CLICCA QUI)

ALLEGATO D – CORRISPONDENZA TITOLI ABILITAZIONE (CLICCA QUI)

 

Preparati con i corsi della Tecnica della Scuola Formazione (CLICCA QUI)

 

Concorso ordinario infanzia e primaria: i requisiti per accedere

Il decreto ministeriale specifica che saranno ammessi a partecipare al concorso docenti i candidati in possesso di uno dei seguenti titoli:

  1. in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;
  2. diploma magistrale con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, conseguiti, comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002.

Per quanto riguarda invece le procedure per i posti di sostegno su infanzia e primaria è richiesto inoltre il possesso dello specifico titolo di specializzazione sul sostegno conseguito ai sensi della normativa vigente o di analogo titolo di specializzazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa.

ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK DEDICATO AL CONCORSO ORDINARIO INFANZIA E PRIMARIA
(CLICCA 
QUI)

 

PREPARAZIONE CONCORSO ORDINARIO INFANZIA E PRIMARIA

 

Ecco l’ultima bozza di bando a disposizione con la relativa tabella titoli.

BANDO

TABELLA TITOLI

 

Preparati con i corsi della Tecnica della Scuola Formazione (CLICCA QUI)