Home Archivio storico 1998-2013 Estero Concorso a cattedra le prove rinviate si terranno dopo le elezioni politiche

Concorso a cattedra le prove rinviate si terranno dopo le elezioni politiche

CONDIVIDI
  • GUERINI
Nel comunicato Ansa si legge: “slittano a dopo le elezioni le prove scritte del concorso per insegnanti, inizialmente previste per oggi e domani e cancellate per le avverse condizioni meteo". Lo ha confermato il ministro dell’istruzione, Francesco Profumo, a margine di un’iniziativa sulla carta dello studente. ”E’ facile parlare ora e non prima – ha osservato il Ministro riferendosi alle polemiche che hanno seguito la notizia del rinvio – ci sono 11 regioni bloccate per neve e una situazione complicata per la mobilità’‘.
Tenendo conto che le scuole saranno disponibili a partire dal 27 di febbraio, è presumibile che le due prove scritte per la scuola d’infanzia e la primaria, saranno recuperate nel mese di marzo.
Bisogna dire che il rinvio di queste date ha generato i sospetti che le cause del rinvio non fossero realmente riconducibili al maltempo preannunciato dalla Protezione Civile, ma piuttosto dalla mancanza di reperibilità di commissari d’esame.
Molto duro è l’on. Pierfelice Zazzera, il quale sostiene che il Miur non dice la verità sul rinvio di queste prove concorsuali dell’11 e 12. Per Zazzera la verità è che mancano i commissari che devono valutare gli elaborati. La svalutazione della professionalità dei docenti chiamati a fare parte delle commissioni d’esame è tale che nessuno vuole partecipare, per un compenso di 50 centesimi a compito per un totale massimo di 30 elaborati da correggere, alle commissioni di questo concorso a cattedra.
Non sappiamo se le invettive di Zazzera siano la verità ma quello che sappiamo che le prove sono state rinviate e saranno recuperate dopo le elezioni.