Home Concorsi Concorso docenti 2018 abilitati, altra fumata nera. Quando sarà pubblicato il bando?

Concorso docenti 2018 abilitati, altra fumata nera. Quando sarà pubblicato il bando?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

È trascorsa un’altra settimana di gennaio e ancora il bando del concorso docenti 2018 per abilitati non è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, allontanandosi sempre di più dall’annuncio di dicembre del Ministero che aveva previsto la pubblicazione i primi giorni del mese.

Il decreto è stato restituito dalla Corte dei Conti

L’unica vera novità sarebbe la restituzione del decreto da parte della Corte di Conti, ultimo passaggio prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, appunto. Pertanto, il decreto potrebbe essere pubblicato già la prossima settimana, nell’edizione dedicata ai concorsi pubblici della Gazzetta Ufficiale, o martedì 23 o giovedì 25. Sottolineiamo potrebbe perché il Ministero ci ha ormai abituato a tempi molto lunghi di attesa.

I candidati attendono per ottenere assunzione in ruolo

L’attesa cresce per i candidati che vivono con un minimo di ansia (almeno in base a quanto riferiscono sui social) tale pubblicazione ritardata, in quanto i tempi lunghi della pubblicazione del bando andrebbe ad incidere su tutto il meccanismo, dalla formazione delle commissioni alle date delle prove, che ricordiamo, saranno solo orali. La paura più grande è quella di non arrivare per tempo ad entrare nelle graduatorie di merito regionali per l’immissione in ruolo già del prossimo anno. Non ci sentiamo di illudere nessuno, ma crediamo sia difficile non rientrare nei tempi. Il Ministero, nonostante i ritardi, è consapevole delle tempistiche.
Piuttosto, come fanno notare alcuni candidati, sappiamo che l’immissione in ruolo non sarà semplice per tutte le classi di concorso e in tutte le regioni, considerando il fatto che le graduatorie già esistenti sono piene e si svuotano con estrema lentezza in alcuni casi.

ICOTEA_19_dentro articolo

Senza dimenticare la paura dei candidati degli altri concorsi, che ritengono negativo far slittare ulteriormente questo concorso, dato che si potrebbero avere ripercussioni anche sui concorsi per non abilitati con il FIT ordinario e quello riservato a chi ha 3 anni si servizio, che dovrebbero uscire contemporaneamente, però con un iter più lungo e con una tempistica che dovrebbe portare all’emanazione del bando subito dopo l’estate. Si teme, quindi, una reazione a catena, derivante dal continuo ritardo del concorso 2018 abilitati.

Docenti di ruolo ammessi ai concorsi

Fra le ultime novità in merito, ricordiamo, il Ministero ha recepito immediatamente la sentenza della Corte Costituzionale, che ha dichiarato illegittimo l’articolo 1, comma 110 della riforma ‘Buona scuola’, e di conseguenza, ha annunciato che potranno partecipare alla procedura concorsuale anche i docenti di ruolo, andando a complicare, comunque, un quadro tutt’altro che semplice.

Anche i diplomati ITP in GaE e seconda fascia di istituto

Al concorso, è bene ricordare, potranno partecipare anche i diplomati ITP, che oltre ad avere la possibilità di partecipazione al concorso per posti comuni solo se iscritti nelle graduatorie ad esaurimento oppure se inclusi nelle graduatorie di istituto di II fascia, questi potranno accedere al concorso per il sostegno se, oltre all’inclusione nelle GaE o nelle GI di seconda fascia di istituto, avranno anche la specializzazione sul sostegno, ovviamente, riferito allo stesso grado di istruzione delle graduatorie in cui sono iscritti.

La prova orale e la valutazione titoli

Il decreto firmato lo scorso dicembre, conferma le anticipazioni date in precedenza, ovvero il concorso per gli abilitati verterà su un’unica prova orale di natura didattico-metodologica, che sarà “una lezione simulata preceduta da un’illustrazione delle scelte didattiche e metodologiche in relazione ai contenuti disciplinari indicati dalla commissione”.

– Per la valutazione della prova orale e dei titoli, la Commissione ha a disposizione un punteggio massimo pari rispettivamente a 40 punti e a 60 punti. La prova orale non prevede un punteggio minimo.

I criteri della valutazione titoli, saranno:

– Per la valutazione della prova orale e dei titoli, la Commissione ha a disposizione un punteggio massimo pari rispettivamente a 40 punti e a 60 punti. La prova orale non prevede un punteggio minimo.

– La Commissione assegna alla valutazione, nell’ambito della prova orale, della capacità di comprensione e conversazione nella lingua straniera, un punteggio massimo di 3 punti quale quota parte dei 40 disponibili.

– La Commissione assegna alla valutazione, nell’ambito della prova orale, delle competenze nell’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione o nelle tecnologie normalmente in uso presso le istituzioni scolastiche, un punteggio massimo di 3 punti quale quota parte dei 40 disponibili.

– La Commissione assegna ai titoli culturali e professionali un punteggio massimo di 60 punti,

– La commissione giudicatrice, valutata la prova orale e i titoli, procede alla compilazione della graduatoria regionale di merito.

Graduatoria di merito regionale

I candidati concorreranno alle selezioni scegliendo un’unica regione e accederanno alle selezioni tramite una sola richiesta telematica dove indicheranno, oltre la regione, anche le classi di concorso per cui intendono partecipare.

Inoltre si ricorda che l’ammissione al percorso comporta la cancellazione da tutte le graduatorie di merito regionali, nonché da tutte le graduatorie ad esaurimento e di istituto, per ogni classe di concorso e tipologia di posto.

Inoltre, per le classi di concorso alle quali partecipi un numero esiguo di candidati è possibile disporre l’aggregazione territoriale delle procedure, ferma restando l’approvazione di graduatorie distinte per ciascuna regione.

 

Preparazione concorso ordinario inglese