Home Precari Concorso docenti abilitati, Di Meglio: “Dobbiamo rimpiangere il sistema cartaceo? In Italia...

Concorso docenti abilitati, Di Meglio: “Dobbiamo rimpiangere il sistema cartaceo? In Italia non funziona mai nulla”

CONDIVIDI

Ormai da diversi giorni il sistema di Istanze Online è sovraccaricato con impossibilità per i candidati al concorso docenti abilitati di presentare la domande. Tra rallentamenti o addirittura blocchi del sistema, così come già segnalato da La Tecnica della Scuola, nella giornata di lunedì, i sindacati chiedono una proroga.

Rino Di Meglio, leader del sindacato Gilda degli Insegnanti, rincara la dose dopo il duro comunicato nelle scorse ore. Su Facebook, Di Meglio è duro: Il sistema informatico del MIUR si blocca da 5 giorni. I precari abilitati che devono iscriversi al concorso diventano matti. Possibile che in Italia non funzioni mai nulla e che dobbiamo rimpiangere le domande cartacee?
Il MIUR spende un sacco di soldi per un sistema informatico che non funziona bene.
Il cittadino paga e nessuno è mai responsabile!

In mezzo alla notizia

LE FAQ DEL MIUR

Così si svolgeranno le prove

La prova orale, non selettiva, si svolgerà a partire dal mese di aprile. Le graduatorie regionali di merito dovrebbero essere approvate entro il 31 agosto 2018.

Concorso

SCARICA IL BANDO

Prova orale non selettiva

I candidati – così come segnala la Flc Cgil in una scheda sul proprio sito – saranno avvertiti, almeno 20 giorni prima della data prevista, attraverso l’indirizzo di posta elettronica indicato nella domanda. I calendari saranno anche pubblicati sui siti degli uffici scolastici regionali

Le tracce da estrarre sono predisposte dalla commissione in numero pari a tre volte quello dei candidati previsti.

Ciascun candidato estrae la traccia su cui svolgere la prova 24 ore prima dell’orario programmato. Le tracce estratte sono escluse dai successivi sorteggi.

La prova orale avrà una durata non superiore a 45 minuti

La prova orale consiste in una lezione simulata e nell’esplicitazione delle scelte didattiche e metodologiche in relazione ai contenuti disciplinari e al contesto scolastico indicati dalla commissione.

La prova orale valuta anche la capacità di comprensione e conversazione nella lingua straniera prescelta dal candidato almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue

Per le classi di concorso incluse negli ambiti disciplinari verticali definiti con il DM 93/16 (AD01: A001, A017 – AD02: A048, A049 – AD03: A029, A030 – AD04: A012, A022 – AD05 [per ogni lingua]: A024, A025), la prova è unica per entrambe le classi di concorso, anche se le graduatorie saranno distinte per ogni classe di concorso. Pertanto la traccia potrebbe riferirsi ai contenuti di entrambe le classi di concorso incluse nell’ambito.

Punteggio della prova orale

Alla prova orale è assegnato un punteggio massimo di 40 punti: non è previsto un punteggio minimo. Alla capacità di comprensione e conversazione nella lingua straniera sono assegnati massimo 3 punti dei 40. Alle competenze sull’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono assegnati massimo 3 punti dei 40.