Home Concorsi Concorso infanzia e primaria, quando sarà pubblicato il bando?

Concorso infanzia e primaria, quando sarà pubblicato il bando?

CONDIVIDI

C’è grande attesa per il concorso scuola 2019 per l’infanzia e primaria, che dovrebbe mettere a bando 17mila posti. Nello specifico si tratta di 16.959 posti di personale docente della scuola dell’infanzia e primaria, di cui 10.624 per l’anno scolastico 2020/2021 e 6.335 per l’anno scolastico 2021/2022. Una delle domande più frequenti che riceviamo in redazione, anche nel nostro gruppo Facebook dedicato al concorso ordinario infanzia e primaria, è la seguente: “Quando sarà pubblicato il bando?

Concorso scuola 2019 infanzia e primaria: il bando entro giugno?

In base alle informazioni in nostro possesso e alle ultime dichiarazioni del Ministro Bussetti, il bando potrebbe essere pubblicato nel corso dei mesi estivi. Anzi, da Viale Trastevere, fanno intendere che potrebbe anche esserci una pubblicazione del bando entro il mese di giugno, avendo già il Ministero fatto richiesta al MEF.
Ovviamente, evidenziamo il condizionale, perché al momento non esiste una comunicazione ufficiale del Miur.

Le prove del concorso docenti 2019 infanzia e primaria, con ogni probabilità, saranno effettuate in autunno. Prima però, potrebbe esserci una prova preselettiva: “Lo svolgimento di un test di preselezione qualora il numero dei candidati sia superiore a quattro volte il numero dei posti messi a concorso”, recita il decreto infatti.

ICOTEA_19_dentro articolo

Considerando l’alto numero di partecipanti attesi al concorso, appare molto probabile lo svolgimento della preselettiva.

Concorso scuola 2019 infanzia e primaria: la prova preselettiva

Nel caso di prova preselettiva, ricordiamo che questa sarà computer-based, unica per tutto il territorio nazionale, volta all’accertamento delle capacità logiche, di comprensione del testo nonché di conoscenza della normativa scolastica.

Concorso infanzia e primaria, probabile la prova preselettiva. Cosa c’è da sapere

Saranno inoltre ammessi coloro che, all’esito della prova preselettiva, abbiano conseguito il medesimo punteggio dell’ultimo degli ammessi, oltre ai soggetti dicui all’art. 20, comma 2-bis, della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

Il mancato collocamento in posizione utile alla prova preselettiva comporta l’esclusione dal prosieguo della procedura concorsuale.

Il punteggio della prova preselettiva non concorre alla formazione del voto finale nella graduatoria di merito.

Concorso infanzia e primaria, prova scritta per i posti comuni e di sostegno

I candidati che abbiano presentato istanza di partecipazione e che abbiano superato l’eventuale prova pre-selettiva, sono ammessi a sostenere una prova scritta, distinta per ciascuna procedura. La durata della prova è pari a 180 minuti, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi e gli ausili di cui all’art. 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

La prova scritta è composta da tre quesiti:

a. per i posti comuni, due quesiti aperti che prevedono la trattazione articolata di tematiche disciplinari, culturali e professionali, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze didattico-metodologiche in relazione alle discipline oggetto di insegnamento nella scuola primaria e ai campi di esperienza nella scuola dell’infanzia;

b. per i posti di sostegno, due quesiti aperti inerenti alle metodologie didattiche da applicarsi alle diverse tipologie di disabilità, finalizzati a valutare le conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità;

c. per i posti comuni e di sostegno, un quesito, articolato in otto domande a risposta chiusa, volto alla verifica della comprensione di un testo in lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue.

Concorso infanzia e primaria, prova orale

I candidati che hanno superato la prova sono ammessi a sostenere la prova orale per l’accertamento della preparazione del candidato.

La prova valuta anche la padronanza delle discipline, la capacità di progettazione didattica efficace, anche con riferimento alle TIC.

La prova orale per i posti di sostegno valuta la competenza del candidato nelle attività di sostegno all’alunno con disabilità volte alla definizione di ambienti di apprendimento, alla progettazione didattica e curricolare per garantire l’inclusione e il raggiungimento di obiettivi adeguati alle possibili potenzialità e alle differenti tipologie di disabilità, anche mediante l’impiego delle TIC.

La prova orale ha una durata massima complessiva di trenta minuti, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi e gli ausili di cui all’art. 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e consiste nella progettazione di una attività didattica, comprensiva dell’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche, metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle TIC.

La commissione accerta inoltre la conoscenza della lingua inglese.

La prova orale per i posti comuni e di sostegno valuta anche la capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue nonché della specifica capacità didattica, che nel caso dei posti di sostegno contempla la didattica speciale.

IL DECRETO

TABELLA DEI TITOLI VALUTABILI

REQUISITI DEI COMPONENTI DELLE COMMISSIONI

FORMAZIONE DELLE COMMISSIONI

 

LA PAGINA DEDICATA DEL CONCORSO INFANZIA E PRIMARIA

 

LEGGI ANCHE

Concorso infanzia e primaria, valutazione delle prove e dei titoli
Concorso scuola 2019, cosa studiare per i posti di scuola dell’infanzia
Concorso scuola 2019, cosa studiare per i posti di scuola primaria
Concorso infanzia e primaria, cosa studiare per i posti di sostegno
Concorso infanzia e primaria, cosa studiare per le prove: parte generale
Concorso infanzia e primaria: programma concorsuale e griglia di valutazione
Concorso infanzia e primaria, ecco chi può partecipare
Concorso infanzia e primaria, così si svolgeranno le prove
Concorso infanzia e primaria, il decreto in G.U.: requisiti di ammissione e prove