Home Concorsi Concorso ordinario infanzia, una docente: “domande per segreteria e sindacalisti, aule deserte”

Concorso ordinario infanzia, una docente: “domande per segreteria e sindacalisti, aule deserte”

CONDIVIDI
  • Credion

Si stanno svolgendo in questi giorni le prove scritte computer based per il posto comune del concorso ordinario infanzia. I candidati sono più di 16 mila e mentre le varie turnazioni si susseguono, arrivano le prime dichiarazioni da parte di chi ha partecipato alla prova.

Una docente ha voluto sottolineare come nelle prove siano mancate domande inerenti il settore disciplinare: “non una domanda sulla Montessori, né su Piaget, né sulle sorelle Agazzi, né su Skinner, né su Vygotskij, né su Bruner, né su Dewey, né sulle metodologie come circle time, cooperative learning e via così, non una domanda sugli obiettivi di apprendimento, sui traguardi di competenza, sull’inclusione, sull’integrazione degli alunni stranieri”.

Icotea

E continua l’aspirante docente: “Però giustamente non potevano mancare domande alle quali avrebbero potuto rispondere il personale della segreteria e un sindacalista. Tra queste: se i bambini vengono iscritti per via telematica, se possono iscriversi qualora compiano 3 anni nel mese di Aprile, se l’educazione viene considerata formale o informale e se le insegnanti con attività extra possono fare più di 40 ore”.

“Chiaramente non poteva mancare la domandina sul coding unplugged e tutto l’impasto che dal curricolo scivolava in modo filosofico attraverso i vari campi di esperienza. Le aule erano deserte – conclude l’insegnante – spero che il Ministro si faccia il famoso esame di coscienza. Dell’allegato A non c’era praticamente nulla”.

Ricordiamo anche che, come abbiamo anticipato, la normativa è entrata a far parte della prova scritta.

Istruzioni operative per la prova scritta

IL VIDEO TUTORIAL DEL MI

Istruzione per la prova

A chi dovrà sostenere la prova domani 14 dicembre, forniamo qualche indicazione tra quelle operative fornite dal Ministero dell’Istruzione.

Durante la prova non è permesso ai candidati di comunicare tra loro verbalmente o per iscritto, ovvero di mettersi in relazione con altri, salvo che con gli incaricati della vigilanza o con i membri della commissione esaminatrice. I candidati non possono portare carta da scrivere, appunti manoscritti, libri o pubblicazioni di qualunque specie, telefoni cellulari e strumenti idonei alla memorizzazione o alla trasmissione di dati, salvo quanto eventualmente autorizzato dalla commissione nazionale di
esperti. Il candidato che contravviene alle suddette disposizioni è escluso dalla procedura.

Quando il candidato avrà risposto a tutte le domande, dovrà attendere che il tempo previsto per la prova (100 minuti) sia terminato. Nella parte superiore della pagina sarà sempre possibile tenere sotto controllo il tempo mancante alla fine della prova.

Al termine della prova, il candidato sarà tenuto a rimanere presso la propria postazione e ad attendere lo sblocco della postazione da parte del responsabile tecnico d’aula, per visualizzare il punteggio ottenuto a seguito della correzione automatica e anonima del proprio elaborato eseguita dall’applicazione.

Dopo che i risultati di tutti i candidati saranno stati raccolti e caricati, questi ultimi controfirmeranno il registro cartaceo d’aula per attestare l’uscita e potranno, pertanto, allontanarsi dall’aula.

I candidati non devono lasciare l’aula fino a quando non sono stati caricati tutti i file e non hanno controfirmato il registro cartaceo d’aula per attestare l’uscita.

Corsi di preparazione al concorso scuola

Per prepararti al concorso, segui il corso Guida alla normativa scolastica, come da ALLEGATO A del concorso ordinario per scuola dell’infanzia e primaria.

Per prepararti sui temi pedagogico-didattici, il corso Conoscenze pedagogico-didattiche di base del docentescuola infanzia e primaria.

Per prepararti sui temi della didattica digitale, il corso e-learning Nuove tendenze della didattica, tra digitale e innovazione, destinato a docenti di ogni ordine e grado.