Home Archivio storico 1998-2013 Generico Condannato dirigente per comportamento antisindacale

Condannato dirigente per comportamento antisindacale

CONDIVIDI


Il giudice del lavoro di Bari, nella sentenza del 12 ottobre 2004, fa giustizia delle molteplici vessazioni alle quali è stata sottoposta la rappresentante Rsu (iscritta alla Gilda degli Insegnanti) di un circolo didattico di Bitonto.

La tutela dell’avv. Tommaso De Grandis, che ha sostenuto il ricorso all’art. 28 dello statuto dei lavoratori, per conto della Gilda di Bari, ha avuto ragione anche dell’Avvocatura dello Stato, a cui spettava la difesa dell’istituzione scolastica.
In sintesi, il dirigente è stato condannato per atteggiamento antisindacale, rifiutandosi di fornire alla rappresentante Rsu la documentazione relativa agli atti dell’istituto, adducendo a motivazione il fatto che la Gilda degli Insegnanti, non è firmataria del Ccnl del 24/7/2003.
Il giudice ha condannato l’istituzione scolastica a pagare 850 euro per il rimborso delle spese di giudizio.

La scuola, a seguire, dovrebbe rivalersi sul dirigente scolastico. I lettori saranno informati dei successivi sviluppi della vicenda.

Per consultare il testo della sentenza cliccare su “Ulteriori approfondimenti”

Icotea