Home Archivio storico 1998-2013 Generico Conferenza di servizio per l’integrazione degli studenti stranieri

Conferenza di servizio per l’integrazione degli studenti stranieri

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Nel corso della seduta di insediamento della Conferenza di servizio per l’integrazione degli studenti stranieri, della quale fanno parte i Direttori degli uffici scolastici regionali del Ministero e i Direttori generali dell’Amministrazione centrale, il ministro Letizia Moratti ha affermato: "Viviamo in un mondo difficile, carico di odio e caratterizzato da guerre, ingiustizie e terrorismo, fenomeni tutti che derivano spesso dalla non comprensione delle diverse culture. La scuola deve rappresentare il punto di partenza e il luogo ideale per prevenire in futuro queste tragedie. La scuola deve educare al rispetto della persona e della vita, ai valori della libertà, della convivenza civile, della democrazia; deve alimentare negli studenti il rispetto delle culture diverse, la fiducia nella società, la speranza nel futuro. Da qui dobbiamo assolutamente partire".
Per realizzare a livello locale interventi che, nel rispetto del "dettato costituzionale di una scuola laica e aperta a tutti", favoriscano la piena integrazione dei ragazzi stranieri, la cui presenza nella scuola italiana è in crescita, il Ministro ha indicato quattro linee prioritarie d’azione: intensificare le iniziative di insegnamento dell’italiano; favorire il dialogo tra gli insegnanti e le famiglie degli studenti stranieri; mettere a fattor comune e valorizzare le migliori pratiche di integrazione; attivare uno scambio sistematico di esperienze con altri Paesi.

Si intende collaborare anche con le amministrazioni regionali per trovare soluzioni flessibili adatte alle singole realtà scolastiche. "Da parte nostra – ha aggiunto il ministro Moratti – abbiamo già attivato un apposito ufficio per l’integrazione degli studenti stranieri, affiancato da un Gruppo nazionale di lavoro composto da docenti, dirigenti scolastici, rappresentanti del mondo accademico e scientifico. Per ogni regione sono stati nominati referenti per l’educazione interculturale. Il nostro obiettivo è quello di favorire, con la collaborazione di tutti, il pieno successo formativo anche ai ragazzi che provengono da altri Paesi".

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese