Home Archivio storico 1998-2013 Università e Ricerca Contestata dagli studenti a Cosenza il ministro Carrozza

Contestata dagli studenti a Cosenza il ministro Carrozza

CONDIVIDI
  • Credion

Durante la visita nell’ateneo della Calabria, Università di Arcavacata di Rende, del ministro dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza, si sono verificati episodi di alta tensione. Infatti alcuni studenti hanno fortemente contestato il ministro Carrozza, senza limitarsi a semplici slogan, ma lanciando pietre e uova contro l’auto del responsabile del Miur ed altre vetture del corteo.
Mentre i più facinorosi e violenti, si rendevano minacciosi con il lancio delle pietre, altri studenti si limitavano, con urla e slogan, a chiedere la liberazione dei giovani arrestati a Roma sabato scorso.
Gli studenti, alcune decine, hanno esposto numerosi striscioni, chiedono interventi contro le privatizzazioni, il precariato e per il sostegno allo studio. I manifestanti, che si sono dimostrati molto accaniti, hanno anche tentato di forzare il blocco delle forze dell’ordine, creando qualche momento di tensione, con le forze dell’ordine.
Dopo questi momenti di accesa agitazione, sono arrivati anche dei comunicati da parte degli studenti: “Come studenti e studentesse dell’Unical, siamo convinti della necessità di rilanciare una mobilitazione territoriale che a partire dal tema dell’austerity e della crisi economica e democratica di questo Paese, sappia riconnettersi alle questioni che attraversano il nostro territorio. Riteniamo che la visita del ministro Maria Chiara Carrozza rappresenti l’opportunità per fare emergere tutte quelle vertenze che da un livello nazionale si declinano anche sul nostro territorio: la questione dei trasporti e il contrasto alla metropolitana leggera; le migliaia di lavoratori precari e cassa integrati della nostra regione; il mondo del precariato della scuola e dell’università”.
 In questa circostanza a dare manforte alle proteste degli studenti è sceso in campo anche un esponente del Movimento 5 Stelle, che ha polemizzato contro le politiche governative in campo di scuole e università.