Home Archivio storico 1998-2013 Generico Convegno nazionale del Cidi

Convegno nazionale del Cidi

CONDIVIDI
  • Credion


Il convegno, che si svolgerà presso il Centro Congressi Lingotto, verrà aperto, giovedì 3 aprile alle ore 15, dai saluti del sindaco di Torino, Sergio Chiamparino. "Un mondo ancora più grande" è il titolo dato all’incontro della prima giornata, durante il quale si parlerà di società, cultura, globalizzazione.  Alle ore 21 verrà proiettato il film "Essere e avere" di N. Philibert.

Il giorno successivo, gli argomenti trattati, tra le 9.00 e le 13.00, riguarderanno il tema "Idee per un progetto di scuola". L’ex ministro della Pubblica Istruzione Tullio De Mauro illustrerà alcune tesi per le scuole di società sostanzialmente democratiche; successivamente si parlerà di una scuola di qualità per tutti: condizioni, strumenti, fattibilità e della città educativa. Nel pomeriggio del 4 aprile, tra le 15.00 e le 19.00, il tema sarà "In giro per scuole e centri di cultura".

Il 5 aprile il 32° convegno nazionale del Cidi si concluderà con una serie di interventi sul tema "Una scuola per un’Europa che guarda al Mondo". Diversi relatori si alterneranno, dalle 9.00 alle 13.00, sui seguenti argomenti: Identità culturali, processi di globalizzazione, conflitti, Coerenza e incoerenza dei sistemi educativi, Significato storico del federalismo, Costruire la scuola dell’autonomia: una rete di Istituzioni.

È prevista la partecipazione di Viviane Reading, ministro europeo dell’Istruzione e della Cultura, e di Roy Pinney, assessore all’Educazione e alla Long Life Learning della città inglese di Birmingham.
La Segreteria del convegno, al quale possono partecipare coloro che si sono già iscritti secondo le modalità previste dagli organizzatori, sarà operativa dalle ore 13 di giovedì 3 aprile fino al termine dei lavori. Per ulteriori informazioni rivolgersi alla sede nazionale del Cidi (tel. 06/58310738; e-mail:
[email protected], cliccabile da "Ulteriori approfondimenti") o alle sezioni Cidi (Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti) della propria città.