Home Archivio storico 1998-2013 Generico Corsi di sostegno per studenti extracomunitari

Corsi di sostegno per studenti extracomunitari

CONDIVIDI
  • Credion

La Regione Friuli Venezia Giulia, con apposito decreto (n. 0313/Pres. del 15/10/2002, pubblicato sulla G.U. n. 14 – 3a Serie Speciale – del 5 aprile 2003) del Presidente regionale, ha approvato il regolamento per la concessione di finanziamenti per la realizzazione di corsi di sostegno scolastico a favore di studenti immigrati extracomunitari che frequentano le scuole della Regione ed incontrano difficoltà nell’inserimento scolastico. Possono beneficiare degli interventi anche i figli di stranieri extracomunitari che sono in attesa del riconoscimento statale di rifugiato, nonché del permesso di soggiorno, purché già inseriti nell’ambito scolastico.
I corsi, la cui programmazione e conduzione è affidata all’istituto scolastico proponente, possono riguardare tutte le materie d’insegnamento e devono essere finalizzati alla conoscenza della lingua italiana.
Il finanziamento può essere richiesto dagli istituti scolastici di ogni ordine e grado (escluse le scuole dell’infanzia) che hanno sede nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia.
Le istanze per la concessione del finanziamento, sottoscritte dal legale rappresentante dell’istituto scolastico, devono essere presentate al servizio autonomo per l’immigrazione e redatte secondo lo schema previsto dall’allegato A del Regolamento. Agli istituti beneficiari viene assegnato un finanziamento proporzionale al numero di ore per corso, determinato secondo i criteri illustrati nella tabella B del Regolamento. Il finanziamento concesso è fissato nella misura di euro 20,66 per ora di lezione.
Per gli studenti beneficiari degli interventi di finanziamento non è ammesso il cumulo con altri incentivi o sovvenzioni aventi le medesime finalità.
Le domande presentate dagli istituti scolastici prima dell’entrata in vigore del citato Regolamento restano valide, anche se il servizio autonomo per l’immigrazione provvederà a richiedere l’integrazione, secondo le disposizioni previste dal Regolamento, delle domande precedentemente prodotte.