Home La Tecnica consiglia Corsi singoli: tutto quello che c’è da sapere

Corsi singoli: tutto quello che c’è da sapere

CONDIVIDI

I corsi singoli sono gli insegnamenti attivati presso le università e gli enti e solitamente collegati a corsi di laurea.

È possibile frequentare per un anno accademico (se annuali) o un singolo semestre (se semestrali) allo scopo di sostenere un esame finale e di ottenere i relativi CFU (il numero complessivo di CFU che si possono ottenere tramite corsi singoli varia a seconda dell’Università o dell’ente scelto.

L’opportunità dei corsi singoli è stata inserita da tempo negli ordinamenti universitari. Inizialmente la sua ragion d’essere era dovuta all’aggiornamento professionale e alla necessità di sostenere un numero minimo di esami in una determinata area disciplinare per partecipare ad alcuni concorsi pubblici.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ma i corsi singoli sono un valido strumento anche nel caso in cui gli studenti di corsi di laurea di primo livello conseguano il titolo dopo la sessione di ottobre (mese in cui ricorre la scadenza per l’immatricolazione ai corsi di laurea magistrali): in quel caso sarebbero costretti ad aspettare un anno per potersi immatricolare al primo anno del corso di laurea magistrale senza poter dare esami. Frequentando invece i corsi singoli potrebbero raggiungere un numero di CFU sufficienti ad iscriversi direttamente al secondo anno del corso di laurea magistrale prescelto, evitando così di perdere l’anno.

I requisiti di iscrizione ai corsi singoli variano a seconda dell’ateneo.

L’iscrizione ai corsi è riservata a:

  • studenti universitari stranieri iscritti presso università estere, che richiedono l’iscrizione ai corsi singoli su iniziativa individuale o nell’ambito di programmi e accordi di mobilità;
  • laureati che non siano iscritti a nessun corso di studio dell’Università, per ragioni di aggiornamento culturale e di integrazione di competenze professionali;
  • laureati e laureandi che abbiano necessità di seguire gli insegnamenti e superare gli esami di profitto di discipline non inserite nei piani di studi seguiti per il conseguimento della laurea ma che, in base alle disposizioni in vigore, siano richiesti per l’ammissione a lauree anche magistrali, a scuole di specializzazione o a concorsi pubblici;
  • diplomati che voglio accrescere le proprie competenze.

Di norma gli esami sostenuti al termine dei corsi singoli sono aggiunti al curriculum studiorum del candidato qualora l’insegnamento sia stato seguito presso la stessa università in cui si è conseguito l’attestato di laurea. Ai frequentatori laureati presso altri atenei gli esami sostenuti sono solo certificati con i relativi CFU.

Anche per quanto riguarda le somme da corrispondere per frequentare i corsi singoli, i criteri variano a seconda di chi eroga il corso singolo. Si va da un contributo per singolo CFU ottenuto, a un prezzo forfetario per l’intero corso seguito.

Iscrivendosi ad uno o più corsi, è possibile frequentare lezioni delle singole materie e sostenere i relativi esami, ricevendo poi un attestato che riconosce la partecipazione e le conoscenze acquisite durante il corso.

I corsi singoli, quindi, sono un’opportunità messa a disposizione di coloro i quali, per motivi di aggiornamento culturale e professionale, intendano seguire insegnamenti universitari, senza però iscriversi ad un Corso di Laurea.
Numerosi i corsi singoli rivolti a laureati e diplomati e numerose sono le agevolazioni previste per tutti coloro i quali scelgono i corsi ICOTEA:

  • Piattaforma FAD attiva 24 h su 24 – 7 giorni su 7 che consente la possibilità di poter seguire i percorsi formativi da qualsiasi posto ed evitando dispendio di tempo e denaro;
  • Assistenza dedicata, grazie ad un Tutor Personale;
  • Lezioni immediatamente attive a 24 h dall’iscrizione;
  • Esenzione IVA su tutti i corsi singoli ICOTEA.

Per qualsiasi informazione, è possibile visitare il sito oppure inviare una mail a [email protected].

Articolo sponsorizzato

CONDIVIDI