Home Archivio storico 1998-2013 Personale Dal 3 gennaio Maestri Cattolici a Roma per XX Congresso

Dal 3 gennaio Maestri Cattolici a Roma per XX Congresso

CONDIVIDI

Un appuntamento statutario particolarmente significativo e coinvolgente non solo per la vita associativa, ma anche per la scuola italiana e i suoi professionisti. ”Infatti – afferma il presidente nazionale Giuseppe Desideri – sin dal titolo l’AIMC intende indicare una necessità Salviamo la scuola e nel sottotitolo indica una strategia L’impegno di tutti e una finalità più ampia il futuro del Paese. L’analogia tra il I Congresso nazionale dell’AIMC (1946) sul tema Salviamo il fanciullo – prosegue il presidente – e il XX Congresso dal titolo Salviamo la scuola, attraverso la forza propulsiva del verbo salvare, colloca la ricerca associativa in linea di continuità con i valori di riferimento, per cogliere nuove ragioni di attualità e possibilità. In questo modo, si confermano e si valorizzano il ruolo della scuola nei confronti della comunità sociale e quello dei diversi soggetti coinvolti, che sono chiamati ad assumere una responsabilità condivisa”.
Il XX Congresso nazionale dell’AIMC segna una tappa fondamentale nella vita dell’Associazione che, a quasi settant’anni dall’inizio della propria esperienza (1945), intende confermare il proprio impegno per un rinnovato impegno al servizio delle nuove generazioni, con particolare attenzione alla dimensione educativa e sociale dell’attività degli insegnanti e della scuola”. Per l’occasione, si sono dati appuntamento a Roma presso il Nuovo Hotes Midas in Via Aurelia, oltre trecento docenti e dirigenti, delegati delle circa 250 sezioni territoriali, in cui è articolata la rete associativa, insieme a consiglieri nazionali uscenti, presidenti regionali e provinciali, che rappresentano uno spaccato significativo della scuola del nostro Paese. I lavori congressuali si apriranno venerdì 3 gennaio con la celebrazione eucaristica e la relazione del presidente nazionale uscente Giuseppe Desideri; proseguiranno nella giornata del 4 gennaio con le relazioni sul tema congressuale e si concluderanno domenica 5 gennaio con la proclamazione del nuovo Consiglio nazionale che eleggerà il presidente nazionale e la partecipazione all’Angelus del Papa in Piazza S. Pietro Numerose e qualificate le presenze confermate dal mondo ecclesiale, politico-istituzionale, associativo e sindacale.

CONDIVIDI