Home Politica scolastica DdL Scuola, Mineo attacca: “Non si gioca sulla vita dei docenti”

DdL Scuola, Mineo attacca: “Non si gioca sulla vita dei docenti”

CONDIVIDI
  • Credion

Nel pomeriggio prosegue la discussione al Senato sul disegno di legge di riforma della scuola. Le tensioni non mancano all’interno della maggioranza. Già all’attacco il senatore Pd ‘dissidente’ Corradino Mineo che nel commentare, su Facebook, la sconfitta del centrosinistra alle amministrative a Venezia rilancia la proposta della minoranza Pd: “Se Renzi si è accorto dell’errore commesso, lasci che sulla scuola si approvi il mandato al relatore, proposto da Tocci, per portare subito al voto in Senato la stabilizzazione del maggior numero di precari. Perchè è non si gioca con la vita della gente. La parola data dal governo ad almeno 100mila insegnanti va mantenuta”. Secondo Mineo, infatti, “ci sarà poi tempo per studiare un modo di valutare i docenti meno offensivo e sbagliato di quello proposto dai relatori, per definire meglio i poteri del dirigente scolastico, per rilanciare la scuola pubblica facendo dell’autonomia strumento di perequazione non grimaldello per separare i destini degli istituti fortunati da quelli di periferia, per dar certezze a chi attende un trasferimento o si chiede a cosa mai gli saranno serviti anni di insegnamento o i percorsi abilitanti”.