Home Attualità Decreto Milleproroghe, su rinnovo Gps è bagarre. Tutti d’accordo invece su assunzione...

Decreto Milleproroghe, su rinnovo Gps è bagarre. Tutti d’accordo invece su assunzione precari con 36 mesi, specializzati sostegno e idonei Stem

CONDIVIDI

Arrivano importanti novità dal Decreto Milleproroghe al termine di un lungo dibattito alle commissioni Bilancio e Affari istituzionali alla Camera. Nella notte, infatti, sono stati approvati alcuni emendamenti che riguardano la scuola.

Aggiornamento GPS

L’aggiornamento delle Gps era uno dei temi principali sui quali si discuteva da settimane. Nonostante il Governo intendesse spostare l’aggiornamento delle Graduatorie Provinciali al 2023, non c’è stato il parere favorevole della maggioranza all’emendamento, con tanto di spaccatura in seno all’Esecutivo.

Icotea

Sull’argomento, fa chiarezza il sottosegretario Rossano Sasso (Lega), che dice: “l’emendamento Aprea era stato riformulato e prevedeva due commi: uno riguardante la possibilità di aggiornare da subito (giugno) le gps, l’altro che invece rinviava di un anno l’aggiornamento delle Gae. La Lega si sarebbe accontentata dell’aggiornamento delle gps, al M5s interessava soprattutto quello relativo alle Gae”.

“Risultato – continua Sasso – : questa notte la Lega e Forza Italia hanno votato favorevolmente all’emendamento, m5s ha votato contro e pd a metà tra astenuti e voto contrario. Quindi il M5s è il principale responsabile del blocco dell’aggiornamento delle Gps con la complicità del PD”.

Sui precari la maggioranza è disunita

“In Parlamento questa maggioranza non riesce ad andare d’accordo sulla scuola, adesso è ora che il Governo provveda direttamente a garantire l’aggiornamento delle Gps. Sono già al lavoro in tal senso con i tecnici del Ministero”, conclude Sasso.

Dunque l’aggiornamento delle graduatorie, almeno ad oggi, rimane confermato per quest’anno, con “finestra” da aprire in primavera.

Azzolina: “Emendamento bocciato (anche) grazie a noi”

L’ex ministra Lucia Azzolina è intervenuta, rivendicando l’opposizione del Movimento 5 Stelle all’emendamento che avrebbe prorogato l’aggiornamento delle Gps all’anno prossimo.

“L’emendamento Aprea(FI), che non avrebbe permesso quest’anno l’aggiornamento delle graduatorie e il contemporaneo rinnovo delle graduatorie per le supplenze per tutti è stato bocciato stanotte, alla Camera dei deputati, alle ore 03:30 grazie, in primis, a me, al M5S e alla maggioranza delle deputate e dei deputati della mia commissione Affari Costituzionali e della commissione Bilancio. Comunico che la Lega ha invece votato a favore dell’emendamento“. Una circostanza, quest’ultima, che cozza con la linea assunta dalla Lega sull’argomento.

“Non potevamo permettere – ha continuato Azzolina – che venissero bloccati migliaia di giovani e precari. Le graduatorie ad esaurimento e le graduatorie per le supplenze vanno aggiornate subito”, ha sottolineato l’ex ministra.

Sì all’assunzione degli specializzati su sostegno

La grillina ha concluso ricordando che “sono state inoltre approvate le misure per consentire la rapida assunzione degli specializzati sul sostegno anche per il prossimo anno scolastico”.

L’emendamento a cui si riferisce l’on. Lucia Azzolina riguarda, quindi, l’immissione in ruolo dei docenti con specializzazione che si realizzerà, come nel 2021, direttamente da prima fascia Gps.

Concorso straordinario al via

Un’altra novità introdotta col Milleproroghe è quella del concorso straordinario per i precari con tre anni di servizio: si svolgerà entro il 15 giugno 2022, con una prova unica che consentirà l’accesso all’anno di prova e formazione.

Questo concorso viene quindi anticipato di sei mesi rispetto alle previsioni (il 31 dicembre 2022), così da consentire lo svolgimento prima dell’avvio del nuovo anno scolastico.

Tra i requisiti richiesti ai candidati, c’è anche anche quello avere svolto un anno di servizio per la classe di concorso specifica.

Inserimento nelle graduatorie per gli idonei Stem

Novità in arrivo anche per gli idonei Stem che avevano superato le prove (con una votazione almeno sufficiente) in occasione del concorso 2021, ma che non rientravano nel contingente per l’immissione in ruolo.

Con l’approvazione dell’emendamento, arriva ora il via libera all’inserimento nelle graduatorie di merito degli idonei, che quindi potranno aspirare all’assunzione a titolo definitivo nella scuola pubblica.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook