Home Politica scolastica Decreto scuola, dall’a.s. 2020/2021 scatta il vincolo dei 5 anni su scuola

Decreto scuola, dall’a.s. 2020/2021 scatta il vincolo dei 5 anni su scuola

CONDIVIDI

Il Decreto Scuola, nel testo approvato alla Camera il 3 dicembre scorso e votato con la fiducia il 19 dicembre, introduce un’importante modifica al comma 3 dell’articolo 399 del T.U. delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado, di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297.

Il nuovo comma 3 prevede infatti che, a decorrere dalle immissioni in ruolo disposte per l’anno scolastico 2020/2021, i docenti a qualunque titolo destinatari di nomina a tempo indeterminato possono chiedere il trasferimento, l’assegnazione provvisoria o l’utilizzazione in altra istituzione scolastica ovvero ricoprire incarichi di insegnamento a tempo determinato in altro ruolo o classe di concorso soltanto dopo cinque anni scolastici di effettivo servizio nell’istituzione scolastica di titolarità, fatte salve le situazioni sopravvenute di esubero o soprannumero.

Tale vincolo non si applica al personale di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate), purché le condizioni previste siano intervenute successivamente alla data di iscrizione ai rispettivi bandi concorsuali ovvero all’inserimento periodico nelle graduatorie permanenti.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ovviamente, per gli assunti prima dell’a.s. 2020/2021, resta valido il precedente vincolo triennale, perché la disposizione si applica appunto alle immissioni in ruolo disposte dal prossimo anno scolastico.

Il Decreto Scuola inserisce a seguire anche il comma 3-bis, secondo il quale l’immissione in ruolo comporta, all’esito positivo del periodo di formazione e di prova, la decadenza da ogni graduatoria finalizzata alla stipulazione di contratti di lavoro a tempo determinato o indeterminato per il personale del comparto scuola, ad eccezione di graduatorie di concorsi ordinari per titoli ed esami di procedure concorsuali diverse da quella di immissione in ruolo.