Home Archivio storico 1998-2013 Generico Decreto sul precariato. Nostra intervista in esclusiva all’on. Aprea

Decreto sul precariato. Nostra intervista in esclusiva all’on. Aprea

CONDIVIDI

All’on. Valentina Aprea, sottosegretario al Ministero dell’Istruzione, abbiamo chiesto di spiegarci come intende procedere l’Amministrazione scolastica per attuare in pieno il decreto sul precariato già approvato alla Camera.

D. Si parla di una circolare ormai alla firma del Ministro, può anticiparcene i contenuti?
On. Aprea: Si tratta di una  circolare applicativa che fornirà tutte le indicazioni operative ai Dirigenti territoriali e ai Dirigenti scolastici. Comunque dal 1° di settembre alle ore 8 le scuole avranno a disposizione gli accessi al sistema informativo per effettuare le nomine delle supplenze, prima quelle annuali, poi quelle fino al 30 giugno ed infine quelle temporanee. Nel contempo, i Dirigenti territoriali potranno continuare ad effettuare le nomine in ruolo solo ai fini giuridici.
 
D. C’è molta preoccupazione nelle scuole: si parla di adempimenti molto onerosi per i dirigenti scolastici e per gli uffici. Cosa può dirci in proposito?
On. Aprea: Abbiamo effettuato un’indagine su un amplissimo campione di istituti dalla quale emerge che le operazioni stanno procedendo con grande celerità,si è coperto circa un terzo delle domande pervenute. La media di domande pervenute negli istituti di maggiori dimensioni si attesta su una media di 300-400 domande con poche punte oltre le 500.
Le soluzioni tecniche predisposte stanno consentendo alle scuole di compilare in tempo utile le graduatorie e saranno garantite la massima trasparenza e informazione per tutti gli aspiranti a supplenza. Il sistema informativo consentirà agli aspiranti alle supplenze di verificare le graduatorie e le disponibilità di posti in modo da poter scegliere in ordine alla tipologia e durata della supplenza.

D. In concreto quante saranno le nomine da effettuare di qui all’inizio dell’anno scolastico?
On. Aprea: Gli Uffici provinciali stanno procedendo ad effettuare le nomine in ruolo sul contingente del 2000/01. Su questo contingente erano state effettuate (prima dell’entrata in vigore del decreto 255) 13.988 nomine in ruolo su una disponibilità complessiva di 31.682 nomine da effettuare.
Dal 9 luglio, data di entrata in vigore del decreto, fino al 26 luglio ne sono state effettuate altre 7.210 e dai piani di programmazione regionale emerge che entro il 5/8 potrà essere completato il contingente per l’A.S. 2000/01 ad eccezione delle grandi aree metropolitane (Napoli, Roma e Milano). Per queste si prevedono tempi più dilatati e, comunque, tutte le nomine saranno disposte entro il 31 agosto.

ICOTEA_19_dentro articolo

D. Ma era proprio necessario questo decreto?
On. Aprea: Certamente. Il Decreto legge affronta in modo nuovo l’annoso problema delle operazioni di inizio dell’anno scolastico e risolve un contenzioso giuridico che rischiava di inficiare l’inizio delle lezioni con il possibile annullamento di tutte le graduatorie.
Con esso si coniuga, in modo equilibrato, il diritto degli studenti e delle famiglie ad avere il quadro completo delle lezioni fin dal primo giorno di scuola con il diritto di migliaia di precari al “posto” di lavoro stabilizzato per tutto l’anno, ciò anche al fine di evitare la “girandola” di nomine che negli anni passati si protraeva fino al mese di febbraio.

CONDIVIDI