Home Politica scolastica Deputati siciliani Pd contro il Miur

Deputati siciliani Pd contro il Miur

CONDIVIDI
  • GUERINI

Alcuni deputati Pd siciliani con la lancia in resta contro la ministra Stefania Giannini e il sottosegretario Davide Faraone sulle assunzioni per le scuole materne.

Promotore della protesta, pubblica Il Corriere della Sera, di circa un migliaio di insegnanti della Scuola dell’Infanzia, iscritti nelle graduatorie di merito del 2012, è il deputato catanese Giuseppe Berretta che ha scritto una lettera al ministro e sottosegretario accusandoli di aver dimenticato nelle complesse procedure di assegnazione delle cattedre proprio questi insegnanti. «Abbiamo lavorato affinché i docenti della Graduatoria di merito 2012 Infanzia venissero assunti- spiega il deputato Berretta- Invece i posti disponibili per le assunzioni sono stati assorbiti dalla mobilita’ straordinaria, lasciando solo 32 posti in Campania e 22 in Sicilia, le due Regioni con un maggior numero di candidati: 872 i candidati siciliani, 522 quelli della Campania. Con questi numeri e con il limite massimo che e’ stato stabilito del 15% dei posti da assegnare nella procedura nazionale, rischieremmo che molti docenti rimangano senza lavoro».

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

Nella lettera pertanto, i deputati nazionali del Partito Democratico chiedono «una soluzione immediata per questi docenti di tutto il territorio nazionale ed in particolare di Campania, Sicilia e Calabria». «Sollevata la questione, ormai chiara, della difficolta’ di far rientrare nella percentuale accantonata del 15% tutti i candidati che abbiano fatto richiesta di assunzione – spiega Beretta che ha coinvolto oltre al Pd siciliano anche quello della Campania – auspichiamo venga prioritariamente cercata e trovata una soluzione e che nel frattempo, se necessario, vengano procrastinati i tempi di attuazione del piano nazionale».