Home Alunni Diario degli esami di stato: dalla riunione plenaria alla fine degli scritti

Diario degli esami di stato: dalla riunione plenaria alla fine degli scritti

CONDIVIDI

Lunedì 16 giugno ore 8.30: Riunione plenaria col presidente dei commissari esterni delle due classi abbinate e dei membri interni di ciascuna delle due classi.
Sentiti i componenti di ciascuna commissione, il presidente fissa i tempi e le modalità di effettuazione delle riunioni preliminari delle singole commissioni; individua e definisce gli aspetti organizzativi delle attività delle commissioni, in particolare l’ordine di successione tra le due commissioni per l’inizio della terza prova, per le operazioni da realizzarsi disgiuntamente di valutazione degli elaborati e valutazione finale; curerà il calendario dei lavori in modo da determinare l’ordine di successione tra gli eventuali diversi gruppi della classe (ad esempio con lingue straniere diverse) per le operazioni di correzione e valutazione degli elaborati, conduzione dei colloqui e valutazione finale; determinerà il calendario definitivo delle operazioni delle due commissioni abbinate, anche dopo opportuni accordi operativi con i presidenti delle commissioni di cui eventualmente facciano parte, quali commissari interni, i medesimi docenti.
Durante la riunione plenaria o in una successiva, appositamente convocata, le commissioni definiscono la data di inizio dei colloqui per ciascuna classe/commissione e, possibilmente in base a sorteggio, l’ordine di precedenza tra le due classi/commissioni e, all’interno di ciascuna di esse, quello di precedenza tra candidati esterni ed interni, nonché quello di convocazione dei candidati medesimi secondo la lettera alfabetica.

Martedì 17 giugno: Eventuale prosecuzione dei lavori delle commissione con la riunione preliminare di ciascuna commissione è finalizzata agli adempimenti di cui all’articolo 13 dell’O.M. n. 37/2014. (Invitiamo a seguire alla lettera e punto per punto gli 11 commi di questo importante articolo perché dalla riunione preliminare fatta modis et formis dipende tutto lo svolgimento dell’esame).

Mercoledì 18 giugno, ore 8.30: INIZIO delle prove scritte, per l’intero territorio nazionale.

ICOTEA_19_dentro articolo

 

Giovedì 19 giugno, ore 8.30: seconda prova. (Per gli esami dell’Istruzione artistica lo svolgimento della seconda prova continua, il venerdì 20 giugno e si conclude lunedì 23 giugno, secondo le indicazioni dei testi proposti dal MIUR).

Venerdì 20 giugno: Ciascuna commissione, (tranne nell’Istruzione artistica) delibera collegialmente la tipologia della terza prova scritta, in coerenza con il documento del “15 maggio”. Il presidente pubblicherà l’orario d’inizio della prova, ma non dovrà essere data alcuna comunicazione circa le materie oggetto della prova.

Lunedì 23 Giugno, ore 8.30: terza prova (tranne nell’Istruzione artistica). Ogni commissione, predispone collegialmente il testo della terza prova scritta, sulla base delle proposte avanzate da ciascun componente; proposte che ciascun componente deve formulare in numero almeno doppio rispetto alla tipologia o alle tipologie prescelte in sede di definizione della struttura della prova. La commissione, in relazione alla natura e alla complessità della prova, stabilisce anche la durata massima della prova stessa.

Martedì 24 giugno, ore 8.30: quarta prova, che si effettua solo nei licei ed istituti tecnici presso i quali è presente il progetto sperimentale Esabac e nei licei con sezioni ad opzione internazionale spagnola, tedesca e cinese.

NB.1 Per i licei artistici e gli istituti d’arte le commissioni definiscono collegialmente la tipologia della terza prova martedì 24 giugno e la fanno svolgere dal giorno dopo, dato che è data facoltà alla commissione di fare svolgere detta prova anche in due giorni.
NB.2 Si noti che ogni commissione può stabilire autonomamente il diario per la correzione e valutazione collegiale delle prove scritte. Ma la data di pubblicazione dei risultati deve essere unica per le due classi/commissioni.
NB.3 Le eventuali prove suppletive si svolgeranno a partire dal 1° luglio 2014; non si possono mettere in calendario prove scritte di sabato; non si possono svolgere colloqui di esame in coincidenza con i giorni delle prove suppletive.

CONDIVIDI