Home Archivio storico 1998-2013 Generico Docente dell’anno

Docente dell’anno

CONDIVIDI
  • Credion

Il 24 novembre è partito il concorso “Docente dell’anno”, iniziativa socio-educativa, lanciata da Anp, l’organizzazione maggioritaria di rappresentanza dei dirigenti delle scuole italiane e aperta anche alla rappresentanza dei docenti, e Microsoft, per rivoluzionare la didattica grazie a metodologie che valorizzino il contributo che la nuova cultura informatica può dare all’insegnamento. Dopo il successo del concorso [email protected], che ha visto nel solo mese di giugno la candidatura di oltre 40 progetti e oltre 200 docenti che hanno scaricato e votato i progetti, Anp e Microsoft hanno deciso di ripetere questa iniziativa realizzando Docente dell’Anno, concorso in cui, a differenza di [email protected], oltre ai docenti sarà coinvolta una giuria di esperti per votare i progetti più interessanti.

 
Con [email protected] sono stati pubblicati dei progetti davvero unici, un’ottima premessa per il concorso Docente dell’Anno: da lezioni più umanistiche con filmati sulla storia medievale di Piacenza a documenti guida per la creazione di un saggio descrittivo per la maturità; da proposte più tecniche, come il file in excel per calcolare le aiuole suddivise in triangoli,  a metodologie di lavoro per la geometria descrittiva dinamica.
Tutti i docenti che si sono già registrati o si registreranno al gruppo Autori della community virtuale di Apprendere in rete (www.apprendereinrete.it) – la piattaforma dove gli insegnanti possono mostrare e condividere lezioni o progetti all’interno di una community online – avranno la possibilità di candidare gratuitamente al concorso le proprie lezioni o i propri oggetti didattici, sviluppati con l’aiuto di supporti informatici. La redazione di Apprendere in rete pubblicherà sul portale i materiali inviati.
I progetti dovranno mostrare come, con le tecnologie informatiche, è possibile trovare soluzioni di insegnamento sempre più innovative ed efficaci per coinvolgere i ragazzi. I progetti dovranno avere i seguenti requisiti: presenza di potenzialità tecnologiche e didattiche (nello specifico, soddisfare esigenze di interattività, utilizzo di strumenti innovativi, multimedialità, e interazione con gli studenti) e valenza del contenuto. I progetti saranno caricabili dal primo dicembre 2008 al 31 marzo 2009 (in formato zip, pdf o qualsiasi formato Microsoft Office) nella sezione on line Condividi e conosci intre diverse aree tematiche: tecnologica; umanistica; scientifica. Ogni docente potrà sottoporre uno o più progetti.
Fra tutti i progetti pubblicati, verranno selezionati indicativamente i trenta che, al termine dell’iniziativa, risulteranno essere stati maggiormente votati dalla community di Apprendere in Rete. I progetti individuati verranno sottoposti entro il 30 aprile 2009 alla valutazione di una apposita giuria di esperti, membri autorevoli nel mondo dell’Istruzione. La scelta verrà fatta in base ai seguenti criteri di valutazione: valenza didattica del progetto; multidisciplinarità; multimedialità; interattività e innovazione intesa come capacità di utilizzare al meglio la tecnologia disponibile.
I tre progetti, uno per ciascuna delle 3 aree – tecnologica, umanistica, scientifica – che risulteranno maggiormente votati dalla giuria, permetteranno ai rispettivi tre docenti di effettuare uno stage presso una prestigiosa scuola all’estero.
Il regolamento completo del concorso sarà disponibile sul sito www.apprendereinrete.it.
“Questo concorso è un ottimo incentivo per migliorare i sistemi didattici proprio grazie all’uso delle tecnologie – afferma Alessandro Paolucci, responsabile dell’area Education di Microsoft Italia – strumenti che possono contribuire in modo importante al miglioramento e al rinnovamento della scuola. E’ necessario essere al passo coi tempi e rispondere alle nuove esigenze degli studenti per creare una scuola che possa formare gli adulti di domani in modo efficace. Siamo sicuri che Docente dell’anno potrà dare un contributo concreto in questa direzione.”
“L’Anp punta sul concorso per far emergere alti livelli di professionalità dei docenti, che spesso restano sconosciuti  – dice Giorgio Rembado, presidente dell’Anp – e per valorizzare la capacità di produzione originale di materiali ad uso didattico, che sappiano mettere a frutto le più aggiornate competenze tecnologiche al fine di un continuo miglioramento della qualità dell’istruzione”.