Home Politica scolastica E la ministra si appellò: protestate ma non con gli scrutini

E la ministra si appellò: protestate ma non con gli scrutini

CONDIVIDI
  • Credion

“Ho fatto appello alla responsabilità delle forze sindacali perché la protesta, legittima ma che può avere altre forme, contro la riforma non pesi sugli studenti, il mondo della scuola e le famiglie”, con il minacciato blocco degli scrutini.. “Credo – ha aggiunto – che il clima che si sta instaurando possa portare anche a una fiducia su questo punto”.