Home Archivio storico 1998-2013 Generico E’ nato “Espero”

E’ nato “Espero”

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Il Fondo Espero, il primo per la previdenza complementare del mondo della scuola, rivolto a circa un milione di persone, tra insegnanti e Ata, è stato costituito a Roma il 17 novembre 2003 e sottoscritto dal presidente dell’Aran Guido Fantoni e dai rappresentanti delle Organizzazioni sindacali della scuola.
Dichiara l’Aran: "Si tratta di uno strumento che apre la strada per l’implementazione del secondo pilastro della previdenza, quella complementare di fonte negoziale, parallela al sistema generale obbligatorio in tutti i comparti e le aree della Pubblica Amministrazione.
Il fondo si basa su un sistema di finanziamento a contribuzione definita e a capitalizzazione individuale.
Per il varo dell’Espero sono stati necessari anni di lavoro, a cura dei Ministeri della Funzione Pubblica, Istruzione, Lavoro ed Economia e Finanze, a datare dal 14 marzo 2001, per l’adeguamento della relativa normativa a quella preesistente.

L’Aran tiene anche a precisare, per la scelta del nome che: " E’ stato battezzato "Espero", come il primo astro che appare nel cielo dopo il tramonto…"
Il riferimento è, certo, al tramonto del sole, ma in molti, tra il personale della scuola, penseranno, piuttosto, al tramonto delle radicate certezze in fatto di pensioni.
Secondo il comunicato dell’Aran, questo Fondo sarà seguito da altri Fondi per il miglioramento delle "prestazioni previdenziali dei dipendenti che s’iscriveranno".

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese