Home I lettori ci scrivono E se fossero i docenti a giudicare i presidi?

E se fossero i docenti a giudicare i presidi?

CONDIVIDI
  • Credion

Salve mi chiamo Daniela,

 

e sono una docente precaria delle Gae, che sino a pochi giorni fa sperava in una agognata immissione in ruolo ma essendo in cdc infanzia, ma… non sa che fine farà.

Icotea

Auspico che almeno ci sia per noi infanzia la sicurezza del ruolo giuridico già da settembre 2015… almeno questo.

A parte questo, da più parti vi sono pareri contrari sull’articolo del presunto DdL che concede poteri di vita o di morte (lasciatemi passare questo paragone) sulla vita (scolastica) di noi poveri docenti. Premesso che anche la sottoscritta è contraria ad una tale norma, beh, io rilancio la palla.

Anche noi docenti vogliamo giudicare e valutare i presidi-manager.

Perchè il consiglio di istituto non può valutare come i dirigenti dirigono l’istituto? Magari con una serie di domande, schede di valutazione anonime sull’operato del dirigente debitamente compilate tramite pc e inviate al Ministero che in caso di valutazione negativa rimuove il dirigente dal suo incarico. esattamente come vogliono fare con noi. Potrebbe essere una proposta da fare a chi si occuperà di preparare emendamenti al DdL.

Così anche noi avremmo un’arma nel caso passi l’articolo sul preside-manger.

Ci devono dare la possibilità di lavorare serenamente nelle scuole e non con l’incubo di dover piacere al dirigente di turno.

Sinceramente spero che l’articolo del DdL in questione non passi e venga cancellato poiché con questo articolo si modifica completamente la natura stessa della scuola, che è una comunità educante dove i docenti si confrontano e anche si scontrano ma sempre e comunque tenendo a mente un obbiettivo…ovvero il bene e l’educazione degli alunni che frequentano la Scuola… con la S maiuscola.

Non ci interessa che sia buona o cattiva… ma VERA… vera comunità educante.