Home Sicurezza ed edilizia scolastica Educazione alimentare nell’uso dei distributori automatici

Educazione alimentare nell’uso dei distributori automatici

CONDIVIDI

Si presenta, come esempio di buone pratiche alimentari a scuola, una tabella tecnico-qualitativa riguardante l’uso di distributori automatici in riferimento a eventuali valutazioni tecniche che possono essere attribuite da una commissione giudicatrice:

1. 20% del distributore deve essere dedicato all’H2O, naturale o effervescente

Icotea

2. 60% a prodotti freschi, preferibilmente di provenienza nazionale, a filiera corta

3. 20% a prodotti a lunga durata (crackers, merendine, grissini)

4. Altre bevande che rappresentano alimenti da premiare/favorire sono il latte UHT, succhi di frutta 70% frutta e spremute 100% frutta.

Rappresenta un ulteriore aspetto migliorativo l’assenza di prodotti quali grassi vegetali generici, olio di palma o di cocco, acidi grassi idrogenati.