Home Archivio storico 1998-2013 Generico Educazione olimpica in vista di “Torino 2006”

Educazione olimpica in vista di “Torino 2006”

CONDIVIDI


Il Ministero dell’Istruzione ha predisposto una serie di nuove iniziative per accrescere il coinvolgimento e la partecipazione degli studenti al programma di Educazione olimpica elaborato dal Toroc (Comitato per l’organizzazione dei Giochi olimpici invernali di Torino 2006). Le linee generali del progetto, rivolto alle scuole con lo scopo di diffondere i valori dello sport e dell’olimpismo, sono state disciplinate un paio di anni fa, il 17 marzo 2003, da un protocollo d’intesa siglato dai rappresentanti del Miur e del Toroc.
Il programma di Educazione olimpica è articolato in cinque aree tematiche rappresentate dai cinque anelli olimpici: sport e cultura sportiva (cerchio rosso), sport ed ambiente (cerchio verde), sport, scienza e tecnologia (cerchio giallo), sport ed educazione alla salute (cerchio azzurro), sport, diritti umani, legalità e intercultura (cerchio nero).  

Dopo una fase di rodaggio, con progetti pilota in ambito locale, lo scorso anno l’Educazione olimpica nelle scuole è stata estesa su territorio nazionale, con la distribuzione di 13.000 kit didattici composti da sei manuali (Fenomeno Olimpico, Salute, Ambiente, Scienza e Tecnologia, Discipline Olimpiche e Paralimpiche Invernali  Intercultura e diritti umani) realizzati secondo un’impostazione modulare in due versioni (una per le elementari, l’altra per la scuola secondaria di I grado) e suddivisi in unità didattiche (da un minimo di 5 a un massimo di 12) per un totale di 42 argomenti.
Il kit didattico comprende, inoltre, un cd-rom completo di immagini e filmati ed una videocassetta in cui vengono presentati i Giochi invernali e le discipline olimpiche e paralimpiche (quelle in cui sono protagonisti gli atleti disabili); il video è composto da quattro sezioni: "Alla scoperta delle Olimpiadi", "Dalla palestra alla pista", "La dieta dello sportivo" e "La Sicurezza sulla neve".

Una delle iniziative del 2005, invece, riguarda la redazione e la pubblicazione di un diario olimpico, che conterrà disegni, aforismi e fumetti proposti dagli alunni, a seguito di un apposito concorso che sarà bandito dalla Direzione generale per la Comunicazione del Miur per gli studenti dell’ultimo biennio della scuola elementare e delle tre classi della scuola di istruzione secondaria di I grado.
Nel "diario", che verrà distribuito sui banchi di scuola all’inizio del prossimo anno scolastico, troveranno anche spazio notizie e informazioni utili per seguire le giornate olimpiche e paralimpiche nonché fotografie e messaggi dei campioni dello sport.

Agli alunni delle scuole di istruzione secondaria di I grado verrà riservata anche la possibilità di realizzare un componimento scritto sullo spirito olimpico e sul messaggio universale di pace che le Olimpiadi rappresentano. Gli elaborati realizzati dagli alunni saranno raccolti in due distinti volumi (disegni, per la scuola elementare; temi ed aforismi, per le scuole medie) che verranno distribuiti agli ospiti dei Giochi olimpici invernali che si svolgeranno in Piemonte 2006.

Le scuole dei Comuni interessati dal percorso della fiaccola olimpica saranno sollecitate ad allestire apposite mostre con i disegni prodotti per il "diario" e gli alunni residenti nei Comuni coinvolti saranno invitati ad assistere al passaggio della fiaccola e a condividere con i tedofori l’avvenimento (l’organizzazione di questa iniziativa sarà curata dal Ministero dell’Istruzione in collaborazione con il Toroc, il Coni – Comitato olimpico nazionale e gli Uffici scolastici regionali e provinciali).
Tra i progetti relativi all’anno in corso, il Miur annovera quello, ancora da definire, di una "giornata" (nel mese di settembre) in cui tutte le istituzioni scolastiche potranno esporre la bandiera olimpica.

Intanto, partecipando, a Sestriere, alla cerimonia di presentazione dei francobolli celebrativi dei XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006, il sottosegretario all’Istruzione Maria Grazia Siliquini ha espresso la convinzione "che il connubio scuola-sport è la via naturale per l’educazione ai valori dell’amicizia, della lealtà, della sana competizione, del rispetto dell’altro, del rispetto delle regole".

La senatrice ha anche sottolineato che l’emissione di francobolli "intende favorire, non solo sul territorio nazionale, ma in tutto il mondo, la conoscenza del patrimonio artistico e culturale di Torino e del Piemonte".

Il sito internet www.kidsvillage.torino2006.org (cliccabile da "Ulteriori approfondimenti") riporta l’attività inerente il programma educativo rivolto alle scuole e costituisce un’occasione di comunicazione, socializzazione e divulgazione delle varie esperienze realizzate all’ interno delle stesse istituzioni scolastiche.

Icotea