Home Sicurezza ed edilizia scolastica Eppure per l’edilizia scolastica il Governo ha stanziato 3,9 miliardi euro

Eppure per l’edilizia scolastica il Governo ha stanziato 3,9 miliardi euro

CONDIVIDI

 

Per l’edilizia scolastica il Governo ha investito, complessivamente, quasi 4 miliardi di euro. A ricordarlo, qualche giorno fa, è stato il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, nel corso di un intervento su risorse, interventi e progetti messi in cantiere dal Governo per rendere le scuole italiane “più belle e più sicure”.

“Ai 3,9 miliardi complessivi – scrive l’Ansa – si arriva considerando gli impegni di spesa legati ai Fondi Pon e Por (1025 mln per efficientamento energetico, impianti sportivi, sicurezza…), alle risorse contenute nel ddl la Buona scuola (590 mln per scuole innovative, indagini diagnostiche sui solai degli edifici e recupero di risorse da vecchie procedure di stanziamento) e ai mutui agevolati Bei (940 milioni per 4.000 interventi di ristrutturazione, messa in sicurezza, adeguamento antisismico, alloggi universitari ecc.). Nel conto vanno messe anche le risorse di Scuole Belle, oltre 17.000 interventi tra il 2014 e il 2016 (150 mln investiti nel 2014 realizzando il 94,1% degli interventi previsti; 130 mln nella legge di stabilita’ per il primo semestre 2015 e 170 mln per la seconda tranche 2015); Scuole sicure (550 mln, tra decreto del fare e delibera Cipe, per 2.328 interventi di manutenzione straordinaria, bonifica amianto e messa a norma); Scuole nuove (344 mln, 454 comuni interessati, 500.000 euro in media per ogni cantiere, grazie allo sblocco del patto di stabilita’)”.

Icotea

 

{loadposition eb-scuola-italia}

 

Rispetto alla manutenzione di soffitti e controsoffitti, lo stanziamento previsto nel ddl La Buona scuola attualmente all’esame del Parlamento: all’interno dell’art.20 della riforma, si prevede una spesa di 40 mln per l’anno 2015 per finanziare indagini diagnostiche dei solai degli edifici scolastici (anche attraverso quote di cofinanziamento da parte degli enti locali proprietari) per prevenire eventi di crollo.

Gli ultimi dati di Cittadinanzattiva ci dicono che le risorse sono necessarie. E, probabilmente, nemmeno adeguate: degli oltre 40mila edifici scolastici italiani, il 41% ha uno stato di manutenzione mediocre o pessimo, quasi tre scuole su quattro (73%) presentano lesioni strutturali per lo più sulla facciata esterna (66%); il 25% dei corridoi, il 21% delle mense e dei bagni e il 18% delle aule presenta distacchi di intonaco; segni di fatiscenza sono presenti per lo più nei laboratori (24%), nelle aule e nei bagni (20%), nelle palestre e segreterie (19%), nel 15% delle mense.

Di fronte alla richiesta di piccoli lavori di manutenzione, nel 15% dei casi l’ente proprietario non è mai intervenuto e nel 23% è intervenuto con molto ritardo. Nel caso di richiesta di lavori di manutenzione strutturale, ben più lunghi e onerosi, nel 29% delle situazioni l’ente non è intervenuto. Non a caso – segnala l’associazione – sono stati 766 gli incidenti accorsi, nell’ultimo anno, a studenti e personale scolastico nelle scuole monitorate.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola